Calcio – Serie A, 14esima giornata: la rivalità mai doma tra Fiorentina e Juventus

Fiorentina-Juventus-loghi-calcio-foto-libera.jpg

Si avvicina l’ennesima giornata spezzatino del campionato di Serie A. Si comincerà questa sera, fino a lunedì, per un turno ricco di match interessanti che potrebbero lanciare segnali importanti in ottica classifica. Spicca Fiorentina-Juventus, sfida sentitissima che ha sempre garantito palpitazioni e spettacolo, ma anche Genoa-Milan (con vista sul terzo posto) e l’impegno casalingo della Roma seconda contro un Sassuolo ormai maturo che naviga con una media punti ben oltre la quota salvezza.

L’atto primo andrà in scena stasera al Franchi: alle 20.45 scenderanno in campo viola e bianconeri, da sempre divisi da una accesa rivalità. La ferita della Vecchia Signora è ancora aperta: nello scorso ottobre, Rossi e compagni rimontarono dall’iniziale 0-2 e si imposero 4-2 in una vera e propria bolgia. In Europa League ha invece sorriso la Juventus (1-1 a Torino e punizione vincente di Pirlo al ritorno), che ora comanda la classifica e si avvicina all’incontro decisivo di Champions contro l’Atletico Madrid. La Fiorentina è probabilmente l’avversario peggiore da affrontare in un momento così delicato e Gomez, che ha ritrovato la rete domenica a Cagliari, sogna lo sgambetto alla capolista.

Ci spera anche la Roma, attesa sabato alle 18 dalla gara interna con il Sassuolo decimo in classifica. Anche per i giallorossi si avvicina una settimana da dentro o fuori in coppa: mercoledì contro il Manchester City sarà fondamentale conquistare i tre punti per accedere agli ottavi di finale. Dopo il 4-2 all’Inter, Rudi Garcia cambierà ancora i suoi per garantire la maggior freschezza possibile in ogni appuntamento. Alle 20.45 spazio a Torino-Palermo: rosanero lanciati dal 2-1 sul Parma, granata dalla condizione mentale da verificare dopo la mazzata psicologica in un derby comunque ben giocato. Punto di partenza o punto di arrivo? La differenza, non così tanto marcata, passa soprattutto dalla partita contro lo scatenato Dybala.

Domenica torna il lunch-match delle 12.30: se lo contenderanno Napoli e Empoli, con i toscani reduci dalla bella vittoria per 2-0 sul Genoa in Coppa Italia. I partenopei, per riprendersi il terzo posto in classifica e inseguire Juventus e Roma, non possono però permettersi di perdere altri punti casalinghi. Posizioni da Champions in ballo anche a Marassi: Genoa-Milan delle 15 può dire tanto, soprattutto sulla stabilità dei rossoblu e le ambizioni rossonere. La squadra di Gasperini gioca bene e vanta in Matri (pericoloso ex) un efficacissimo terminale offensivo, quella di Inzaghi si accende a tratti e cerca ancora la continuità necessaria per rialzarsi dopo l’ottavo posto dello scorsa stagione. Nel pomeriggio spazio anche a Atalanta-Cesena e Parma-Lazio, mentre la domenica sarà chiusa da Inter-Udinese, con Mancini a caccia della prima gioia in campionato dopo il ritorno in nerazzurro. I friulani, reduci dalla sconfitta contro il Milan proprio a San Siro, si presenteranno guidati da Stramaccioni, prima amato e poi rapidamente liquidato dal pubblico del Biscione.

Il sipario sulla lunghissima 14esima giornata calerà lunedì con la doppia sfida Cagliari-Chievo (ore 19, ghiotta occasione per Zeman di rialzarsi dal poker subito con la Fiorentina) e Verona-Sampdoria (21). I blucerchiati, che avranno il privilegio di conoscere già i risultati delle dirette concorrenti per il terzo posto, faranno tappa al Bentegodi, casa di un Hellas piuttosto incostante finora e terza peggior difesa della Serie A.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Lascia un commento

Top