Biathlon, Thierry Chenal: “Proverò a crescere gara dopo gara”

Chenal.jpg

Abbiamo in piacere di presentarvi l’intervista al giovane Thierry Chenal, biathleta classe 1992 del gruppo sportivo dell’Esercito. Il valdostano, che quest’estate ha dominato i Campionati Sudamericani, gareggia da diverse stagioni in Ibu Cup, cercando di migliorarsi e ottenere con il tempo e la crescita risultati sempre più prestigiosi.

Quali sono le tue sensazioni quando all’inizio della stagione?

“Sono contento, al momento non mi posso lamentare della condizione”.

In estate hai potuto partecipare ai Campionati Sudamericani, ti è servita questa esperienza e come la valuti ?

“Disputare i Campionati Sudamericani è stata un’ottima opportunità, siamo riusciti a lavorare bene. C’è stata l’ occasione di mettere a punto il lavoro svolto nella preparazione fino a quel punto della stagione”.

Come valuti il tuo piazzamento ai Campionati Italiani estivi skiroll della Val Martello, decimo nella sprint e ottavo nell’inseguimento?

“Sono soddisfatto, tutto sommato ho visto dei miglioramenti a livello fisico e al tiro, ma certamente potevo fare meglio”.

Con il ritiro di Markus Windisch si è liberato un posto nella staffetta azzurra. Dopo l`esperienza in Ibu Cup, ti sentiresti pronto per il salto in Coppa del Mondo ?

“Per questa stagione penso che sia già una bella opportunità gareggiare in Ibu Cup e crescere sia al tiro che a livello fisico”.

Hai apportato modifiche sul fucile o nell’attrezzatura rispetto alla passata stagione ?

“Si, in realtà ho fatto qualche accorgimento sulla posizione al tiro”.

Quali sono I tuoi obiettivi e le tue aspettative per questa stagione?

“Come ho già detto, l’obiettivo è quello di cercare di crescere gara dopo gara”.

In che modo i tuoi allenatori (Inderst, Ponza e Vuillermoz in particolare) ti aiutano nella crescita e a migliorare?

“Abbiamo lavorato insieme sulla tecnica e sul tiro, con i loro consigli ho avuto l’opportunità di crescere in tutti e due i settori”.

Dove pensi di dover migliorare per fare il salto di qualità?

“Penso ci sia ancora molto da lavorare sia sul tiro che sull’aspetto atletico”.

Foto: FISI (Serge Schwan)

Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina “Il biathlon azzurro”

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

nicolo.persico@olimpiazzurra.com

Twitter: @nvpersie7

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top