Taekwondo, Molfetta: “Il lavoro paga”

0811MolfettaPre01-e1395002657964.jpg

Carico al punto giusto e subito pronto a tornare sul tatami. Carlo Molfetta rientra dall’Ucraina con una medaglia d’oro al collo e la consapevolezza di poter dare ancora tanto al taekwondo azzurro. Il livello del torneo G-1, il più basso della categoria Grand Prix, non rende merito a quanto fatto dal carabiniere mesagnese.

“Un torneo di buon livello – ha dichiarato il capitano della nazionale ai media ucraini – nella mia categoria (-87 kg ndr) erano presenti ben cinque atleti in cima alle classifiche mondiali”. Battuto senza troppi affanni il francese M’bar N’diaye in semifinale, Molfetta è riuscito a spuntarla al golden point contro l’azero campione europeo in carica Isaev Radik.

Un match tiratissimo in cui i combattenti si sono a lungo studiati sino al punto di penalità per entrambi. Con i tre round regolamentari terminati in parità Molfetta ha poi avuto la meglio sull’azero durante il tempo supplementare. “Cosa si prova a risalire sul gradino più alto del podio? Le sensazioni sono sempre le stesse, ho la consapevolezza di aver fatto tutto bene con il mio allenatore e di dover continuare su questa strada”.  

Il prossimo appuntamento per il campione olimpico di Londra sarà il Grand Prix Series a Manchester tra il 24 ed il 26 di questo mese. In Inghilterra le categorie di peso saranno quelle olimpiche.

Clicca qui per la pagina facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Diventa fan di Taekwondo Our Style

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

scroll to top