Scherma, Coppa del Mondo: le convocate italiane per il Venezuela

ilaria-bianco-2-e1362766575791.jpg

Esordio con novità di calendario per la sciabola femminile italiana nella Coppa del Mondo di scherma 2014-2015. Le ragazze guidate dal ct Giovanni Sirovich saranno infatti impegnate sabato e domenica in Venezuela, sull’isola Margarita (fuso orario locale meno sei), in una due giorni che vedrà svolgersi fase a gironi, tabellone principale individuale e gara a squadre. Non più tre, dunque, e dalla prima parte sarà esentata Irene Vecchi, quindicesima nel ranking Fie.

Con la livornese saranno presenti in Sudamerica Ilaria Bianco, Rossella Gregorio, Lucrezia Sinigaglia, Martina Petraglia e Martina Criscio. Domenica verrà riproposto il quartetto che nell’ultima uscita della passata stagione – il Mondiale di Kazan – si arrese ad un passo dal bronzo sotto i colpi di una scatenata Olga Kharlan, attesa dominatrice anche nel nuovo anno. Il commissario tecnico, al momento della partenza, ha dichiarato ai microfoni del sito federale: “E’ la prima gara della stagione e come tale va affrontata con il giusto piglio. Abbiamo degli obiettivi da cogliere e se non si sale in pedana con determinazione, intensità e con la massima concentrazione, c’è il rischio di sbagliare. La fase di qualificazione olimpica inizia ufficialmente alla fine del mese di marzo, ma le ragazze dovranno affrontare queste gare e soprattutto la prova a squadre con la consapevolezza che una buona fetta della strada che porta a Rio passa da qui. Guai a sottovalutare queste prime prove”.

Il fine settimana avrebbe dovuto vedere in pedana anche gli sciabolatori a Dakar, ma Diego Occhiuzzi e compagni sono stati frenati dall’allarme ebola che ha colpito il Senegal negli ultimi mesi. Per loro esordio rimandato a Budapest tra il 21 ed il 23 novembre.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Augusto Bizzi/Federscherma

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top