Calcio, Europa League: le italiane per dimenticare il campionato

logo-uefa-europa-league.jpg

Torna l’Europa League, torna in campo il quartetto di italiane impegnate nella seconda manifestazione calcistica continentale. Quattro sfide diverse, che però Napoli, Fiorentina, Torino ed Inter hanno l’obbligo di vincere per continuare ad inseguire la qualificazione ai sedicesimi di finale. E per allontanare gli spettri del campionato, che dopo cinque giornate ha offerto più spunti negativi che positivi.

Alle 19 sarà la volta di partenopei e viola, rispettivamente sui campi di Slovan Bratislava (Slovacchia) e Dinamo Minsk (Bielorussia). Gli azzurri, reduci dal successo scaccia crisi di Reggio Emilia con il Sassuolo, dovranno dare continuità al 3-1 in rimonta dell’esordio contro lo Sparta Praga per dimostrare di poter valere un risultato prestigioso in ambito internazionale. Non va dimenticato infatti che la squadra di Benitez ha iniziato la stagione con i preliminari di Champions League, sognando dunque di poter confrontarsi su palcoscenici ben più prestigiosi. Montella, ancora privo di Rossi, Gomez e Cuadrado, si affiderà invece ai giovani Babacar e Bernardeschi per avere la meglio di una Dinamo travolta due settimane fa a Salonicco dai bianconeri del Paok, prossimo rivale della Fiorentina.

Nella fascia serale (21.05), spazio invece a Torino e Inter. Partendo dai nerazzurri, non sarà semplice il ritorno di Mazzarri a San Siro dopo il terribile 1-4 subito domenica pomeriggio per mano del Cagliari. Una partita sì condizionata dal rosso a Nagatomo, ma in cui nessuno si è salvato dimostrando poco attaccamento alla maglia e ancor meno dedizione per superare i tanti momenti difficili che il toscano ha vissuto e continua a vivere sulla panchina dell’Inter. Un passo avanti e due indietro, questo il ritornello che da oltre un anno recita Mazzarri scatenando grandi polemiche nel tifo lombardo. Gli azeri del Qarabag, fortunatamente, dovrebbero essere un avversario ampiamente alla portata per cancellare in fretta la ferita sarda e ripartire al meglio. Impegno casalingo anche per il Toro, che ospiterà i danesi del Copenaghen, squadra più esperta in campo europeo che si troverà di fronte una versione rimaneggiata rispetto alla compagine granata che nell’ultima settimana si è rilanciata in Serie A con quattro punti in due gare. Dopo lo 0-0 di Bruges, Ventura può solo vincere per continuare a guardare con ottimismo alla qualificazione.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top