Pallanuoto femminile, World League: <i>Setterosa</i> di nuovo al vertice!


Le Super Finals di World League di pallanuoto femminile che si sono disputate settimana scorsa a Kunshan, in Cina, ci hanno consegnato una nazionale italiana ancora competitiva con le big di tutto il mondo, in controtendenza rispetto a quanto visto un anno fa in occasione dei Campionati Mondiali.

Sin dalla fase eliminatoria, disputatasi durante la stagione, la squadra del CT Fabio Conti aveva messo in mostra un altro livello di gioco e risultati rispetto a quanto visto pochi mesi prima. Con Grecia e Ungheria la selezione italiana aveva conquistato 3 successi in 4 match, uscendo sconfitta solo dall’ultima partita con l’Ungheria quando il primo posto nel girone era già matematicamente certo.

Durante le fasi finali del torneo il Setterosa ha sconfitto, nell’ordine, Cine, Brasile, Australia e Russia prima di uscire vincente dalla semifinale ancora una volta con la Cina che è valsa la medaglia per Roberta Bianconi e compagne. Nella finale per l’oro gli Stati Uniti si sono rivelati troppo forti per le azzurre, arrivate comunque vicina al colpaccio sfiorando una clamorosa rimonta nel finale di gara che avrebbe portato le ragazze italiane ad un successo quasi improbabile alla vigilia.

Queste le parole del CT Fabio Conti al termine della competizione rilasciate al sito della FIN: “Guardiamo avanti. Anche oggi abbiamo disputato una partita di alto livello e anche questa volta l’approccio è stato buono. Siamo passati in vantaggio, abbiamo resistito al ritorno delle avversarie e ripreso la partita nel finale. Tutto questo senza Palmieri fuori per gioco violento. Nel finale avevamo ancora le energie nervose per rientrare sul -1 ma il gol di Steffens, rocambolesco, ha chiuso la partita che potevano portare ai rigori. Complimenti agli Stati Unti perché al momento sono i più forti al mondo e un punto di riferimento per il prossimo biennio, in vista del 2016. Questi risultati sono indicazioni importanti per capire dove dirigere il lavoro presente e futuro, che dovrà essere ancora più attento e finalizzato a migliorare i difetti ed esaltare le nostre caratteristiche migliori. Rispetto al secondo posto di Tianjin, dove avevamo perso tutte le partite del girone e vinto il quarto di finale ai rigori con la Russia, questa World League è stata condotta sicuramente con un piglio diverso; frutto anche dell’esperienza fatta dal gruppo nella passata stagione. Diamo tempo a queste ragazze di maturare con continuità”. 

L’obiettivo, come si evince anche dalle parole del CT, è quello di trovare la competitività in vista del Giochi Olimpici di Rio 2016, più vicini di quanto possa sembrare. Il gruppo sembra stia lavorando bene, rispondendo ottimamente ai lavori effettuati durante tutto l’anno e in vista della competizione. Resta una grande prestazione, che speriamo possa essere solo l’inizio di una lunga serie.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top