Canottaggio, pesi leggeri: 8 uomini per 4 posti nel quattro senza

Tante certezze ma anche qualche dubbio per l’Italia del presidente Giuseppe Abbagnale. Se nelle barche corte gli azzurri per dirla alla La Mura hanno dimostrato “una caratura agonistica eccezionale e un’ammirevole mentalità vincente” , il cartello lavori in corso è ancora ben fissato nelle barche lunghe a partire dal quattro senza pesi leggeri dove due equipaggi tricolori si sono dati battaglia nel week-end di PiedilucoUn round a testa per due quartetti che anagraficamente presentano differenze sostanziali; se da un lato due canottieri di lungo corso come Elia Luini (classe ’79) e Martino Goretti (classe ’85) dividono la barca con i due giovani classe 1994 Paolo Di Girolamo e Stefano Oppo, dall’altra parte la composizione dell’equipaggio risulta sicuramente più lineare sotto questo punto di vista. Insieme al ceco d’Italia Jiri Vlcek che tra un mese compirà 36 anni remano infatti Armando Dell’Aquila, nato nel 1987, e i due classe ’85 Livio La Padula e Giorgio Tuccinardi. Otto uomini di livello che dovranno sfruttare, sotto la guida responsabile del settore pesi leggeri maschili Antonio La Padula, il clima di costruttiva competizione che si è venuto a creare per crescere e migliorare ancora.

Sempre in tema pesi leggeri il doppio di Pietro Ruta e Andrea Micheletti si è subito risollevato dopo la debacle di sabato. “Abbiamo accusato le fatiche della TRio, sette gare in tre giorni si sentono dichiara in esclusiva a Olimpiazzurra Pietro Ruta – Nonostante tutto la preparazione procede bene, arriviamo da un inverno bello tosto e ora dobbiamo continuare a lavorare bene per raccogliere i frutti”. Il duo lombardo dovrà stare attento poi al ritorno senz’altro positivo di Marcello Miani, che per Rio 2016 punta proprio a un posto nel doppio (leggi qui)Un’altra sana rivalità interna che potrà sicuramente giovare al movimento. 

La giornata di sabato 

Clicca qui per tutti i risultati

La giornata di ieri 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@olimpiazzurra.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Canottaggio, Memorial D’Aloja: Italia prima per la 28esima volta

Canoa velocità: i convocati per il raduno di Milano