Atletica, l’Italia si Libera: quattro record nazionali! Caravelli Regina dei 300 ostacoli

Atletica-Caravelli.jpg

25 aprile, Giorno della Liberazione pieno zeppo di gare in giro per tutta Italia. E tutto sommato sorridiamo, in attesa di sapere qualcosa in più sull’infortunio di Alessia Trost di cui si sta ultimamente parlando.

Marzia Caravelli si riprende il record italiano dei 300 metri ostacoli correndo a Roma in un ottimo 39.00, migliorando così di nove centesimi il precedente primato siglato da Yadisleidy Pedroso il 3 maggio scorso. Ricordiamo che la friulana era ferma al 39.56 corso lo scorso anno, quando fu la prima donna italiana a correre la distanza sotto i 40 secondi.

Una buona prova per l’azzurra in vista della stagione all’aperto (100 ostacoli o si prolungherà sul giro di pista?). Zuzana Hejnova detiene il primato mondiale (38.16) corso lo scorso anno, un mese prima di vincere il titolo mondiale sui 400hs…

 

Tuttavia, la Caravelli non è assolutamente soddisfatta della propria performance come ha dichiarato alla FIDAL: “tecnicamente potevo fare meglio. Mi aspettavo un miglioramento ma rimango con i piedi per terra. Mancano ancora cento metri, la parte più difficile di una gara che io ancora non ho mai corso. Oggi ho tenuto sempre una ritmica da quindici passi, ma non so se potrò farlo per dieci ostacoli e nel passaggio con l’altra gamba ho ancora difficoltà… insomma ci sono tanti elementi da considerare. C’era un vento fastidioso contrario nel rettilineo finale e che mi ha portato a ridosso dei primi tre ostacoli. Per questo motivo la gara non è stata lineare ed ho faticato un po’ a fare gli ultimi ostacoli con la giusta ritmica. Avrei potuto gestirla meglio, è tutta esperienza che mi manca”.

 

Sidney Giampietro, invece, si fa grande a soli 15 anni e scaglia il suo peso da 3kg alla strepitosa misura di 16.67; nuovo primato italiano per la categoria cadette, demolendo il 16.07 che Chiara Rosa deteneva dal 27 settembre 1998!

La ragazzina è nata a Milano, da mamma nigeriana e padre pugliese, pratica atletica da tre anni e già da una stagione sta esibendo misure da categoria allieve: nel giro di un anno e mezzo è migliorata di 1,74 metri!

Nella serata di ieri, invece, Marta Zenoni vinceva a Milano i 1000 metri della Walk and Middle Distance Night in un eccellente 2:44.26, nuovo record italiano cadette (già suo, 2:46.79) e allieve, superando addirittura un mito come Gabriella Dorio che il 7 ottobre 1973 (40 anni fa!) corse in 2:46.2 (manuale).

Sempre nel capoluogo meneghino, Nicole Reina non è riuscita a migliorare la miglior prestazione italiana allieve di Valeria Roffino e si ferma a 6:46.67 (contro il 6:40.29 della storica capolista).

MPI Allieve per Ilaria Verderio sui 500m: 1:11.91 per demolire 1:15.1 di Manuela Salussola datato 1989.

 

A Modena esordio stagionale per Lorenzo Perini sui 110m ostacoli (14.12), Eseosa Desalu corre i 100m in 10.53. A Udine, Antonio Fent scaglia il giavellotto a 74.51.

 

(foto FIDAL/Colombo)

Lascia un commento

scroll to top