Sei Nazioni: il Galles gioca, si diverte e abbatte la Scozia

North_eng_1920_rdax_530x331.jpg

Il match del Millennium Stadium, di fatto, si decide al 22′ quando Stuart Hogg lascia in 14 i suoi. Da lì in poi il Galles, già in vantaggio ed in controllo, prende il largo e a suon di mete sotterra la Scozia con un pesantissimo 51-3, regalando un grande spettacolo ai tifosi del Dragone.

Laidlaw muove il tabellino scozzese per la prima e l’ultima volta al 3′ con un penalty, pareggiato da Biggar poco dopo. Al 15′ è uno scatenato Liam Williams a marcare la prima meta gallese, mentre sette minuti dopo Hogg decide di compiere la sciocchezza del giorno con una violenta spallata a palla lontana su Biggar. Cartellino rosso e Highlanders completamente smarriti. Al 34′ comincia lo show dei padroni di casa con George North (spettacolare la sua azione personale), seguito da Jamie Roberts per le due mete che chiudono il primo tempo sul 27-3.

La ripresa inizia così come si era conclusa, con Jonathan Davies e Liam Williams a seminare il panico e con North e Roberts ancora in meta al 42′ e al 49′. C’è gloria anche per gli avanti al 52′ con la sesta meta firmata Toby Faletau. L’orgoglio scozzese porta gli uomini di Scott Johnson a ridosso della linea di meta, ma i Dragoni respingono gli assalti e con l’ennesima ripartenza fulminano la difesa ospite con il punto esclamativo di Rhodri Williams.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Foto: wru.co.uk

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top