Paralimpiadi Sochi 2014: la Russia vince anche nello sci alpino

Il programma di oggi alle Paralimpiadi invernali prevedeva l’assegnazione di soli tre titoli, quelli degli slalom speciali maschili dello sci alpino.

Nella prima gara in programma, quella della categoria ipovedenti, il russo Valerii Redkozubov si è imposto, precedendo di 3″61 lo spagnolo Yon Santacana Maitzegui e di 5″40 il canadese Chris Williamson.

La Russia, già dominatrice delle prove di sci di fondo e biathlon, ha replicato anche nella competizione standing, con Alexey Bugaev che si è imposto precedendo di oltre un secondo il francese Vincent Gauthier-Manuel e l’altro padrone di casa Alexander Alyabyev. In questa categoria erano presenti anche quattro italiani: il migliore è stato Marco Zanotti, classificatosi ventisettesimo con 31″08 di ritardo dal vincitore, mentre Andrea Valenti ha chiuso trentunesimo. Ugo Bregant è uscito nella seconda manche, mentre Hansjoerg Lantschner non ha concluso il primo atto.

Il Giappone ha festeggiato nella gara della categoria sitting, con Takeshi Suzuki che ha approfittato dell’uscita del croato Dino Solokovic, al comando dopo la prima manche, per conquistare il titolo paralimpiaco. L’atleta nipponico ha fatto meglio di due austriaci, Philipp Bonadimann e Roman Rabl.

Quest’oggi si sono svolte anche le semifinali del torneo di ice sledge hockey: la Russia, sostenuta dal pubblico di casa, ha travolto con un netto 5-0 la Norvegia, mentre gli Stati Uniti hanno battuto per 3-0 il Canada. Russia e Usa si contenderanno quindi la vittoria finale nell’incontro in programma sabato.

Infine, il torno di wheelchair curling ha visto quest’oggi le ultime partite del round robin. La Russia ha chiuso al comando con otto vittorie ed una sconfitta, davanti al Canada (7-2) ed alla coppia formata da Cina e Gran Bretagna (5-4). Il tie-break, vinto per 6-3 dai cinesi, ha piazzato gli asiatici al terzo posto davanti ai britannici. Le semifinali, in programma sabato, vedranno quindi di scena le sfide Gran Bretagna-Russia e Canada-Cina.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: veooz.com – Ria Novosti

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Paralimpiadi Sochi 2014: 18 mesi di squalifica per Igor Stella

Paralimpiadi Sochi 2014: Russia a quota cinquanta medaglie