Eurolega: Milano da sogno, Fenerbahce ko e secondo posto assicurato

basket-david-moss-milano-tuttosport.jpg

Un’altra impresa, l’ennesimo capolavoro di un avventura europea straordinaria. L’Emporio Armani Milano sbanca anche Istanbul e sconfigge il Fenerbahce per 82-73, mettendo in ghiaccio il secondo posto in classifica e garantendosi la possibilità di avere il fattore campo nei quarti di finale dalla propria parte. Non è ancora ufficiale, ma per renderlo basta il successo del Barcellona contro il Panathinaikos nel match che chiude questa giornata.

Con la qualificazione già sicura (per la vittoria dell’Olympiacos a Malaga ieri sera) l’Olimpia parte con il freno a mano tirato e si trova ad inseguire un Fenerbahce guidato dai canestri di Bogdanovic, top scorer della gara alla fine con 24punti. Banchi sceglie dalla panchina Melli e l’azzurro risponde subito con otto punti di fila e riporta l’EA7 a solo un punto di distanza (15-14). Nel secondo quarto si accende Gani Lawal ed il centro nigeriano è assolutamente inarrestabile, infilando quattro schiacciate e un meraviglioso gancio che fanno volare Milano in doppia cifra di vantaggio. I turchi resistono sempre con il solito Bogdanovic, mentre McCalebbe e Preldzic faticano ad entrare nel match grazie difesa milanese.
Nel terzo quarto succede davvero di tutto e la partita in questo parziale prende una svolta decisiva. L’Olimpia comincia fortissimo con tre triple consecutive (2Moss e Samuels). Il Fenerbahce è frastornato e in panchina Obradovic perde completamente la testa, facendosi espellere dall’arbitro Arteaga. In un secondo si scatena una bolgia incredibile e la tensione sale alle stelle con i tifosi ad un passo dall’invasione di campo. Per fortuna Milano resta tranquilla ed è Gentile a bruciare la retina toccando addirittura il +20 (62-42). Si entra negli ultimi dieci minuti con la squadra di coach Bianchi in controllo, ma il Fenerbache, che si gioca una fetta importante di qualificazione ai quarti, non molla e si affida ad uno scatenato McCalebb, che si ricorda di essere un giocatore incontenibile e riporta a contatto i turchi. Il play americano fa venire i brividi a Milano, che entra negli ultimi cinque minuti con solo sette punti di vantaggio, ma Hackett e compagni sono bravi a rimanere lucidi e giocare bene in attacco. Ai liberi i milanesi sono glaciali e l’ennesima follia turca porta ad un fallo antisportivo e ad un fallo tecnico che mettono la parola fine sulla gara e mandano in paradiso Milano.

Con questa vittoria l’Olimpia si candida per un ruolo da protagonista non solo per i quarti, ma anche per le Final Four, che vengono ospitate proprio dal capoluogo lombardo. A Milano si comincia a sognare in grande e il nostro basket non può che esultare e festeggiare per un tale traguardo raggiunto.

Questo il tabellino dell’incontro:

FENERBAHCE ISTANBUL – EMPORIO ARMANI MILANO 73-82 (15-14; 29-38; 54-68; 73-82)

FENERBAHCE: McCalebb 17, Jackson 1, Onan, Bjelica 12, Mahmutoglu, Kleiza, Turkyilmaz, Savas, Zoric 8, Birsen, Bogdanovic 24, Preldzic 11

MILANO: Gentile 13, Cerella, Melli 8, Fumagalli, Hackett 11, Kangur 5, Samuels 10, Wallace, Lawal 12, Moss 15, Jerrells 8

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Basket

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto da tuttosport.it

Lascia un commento

Top