Ginnastica, FOLLIA LEGGENDARIA: Biles, doppio doppio alla trave!

Simone Biles ha deciso di segnare ancora una volta la storia della ginnastica artistica.

La Campionessa del Mondo ha esibito quella che è una sua invenzione: il DOPPIO RACCOLTO DOPPIO AVVITAMENTO. Sì, direte, al corpo libero si è esibita in un triplo avvitamento doppio raccolto (cliccate qui per vederla).

Già, ma questa volta non si è accontentata del quadrato magico. Lo ha eseguito alla trave! Molto più difficile, con solo quei fatidici 10cm su cui potersi destreggiare.

 

Una nuova barriera abbattuta, un’esecuzione magistrale, una difficoltà al di là dell’umano che merita il valore I del codice dei punteggi.

Ovviamente per ufficializzare il tutto serve che la statunitense lo esibisca in gara (ormai ritornerà sulle scene nel 2014), anche se pare difficile che la sedicenne porti questo elemento in una competizione ufficiale: troppo rischioso, l’errore è davvero dietro l’angolo. Meglio andare sul sicuro, ricordando che lei esibisce già un avvitamento e mezzo (la difficoltà G).

Un elemento favoloso, folle e storico che suggella il valore infinito della Biles, bronzo iridato alla trave con tante polemiche.

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Simone Biles

ultimo aggiornamento: 20-11-2013


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ginnastica, USA tornano in Italia! Parteciperanno al Trofeo di Jesolo

‘Cogito, ergo sport’: Jury Chechi, la forza nel “tallone d’Achille”