Vuelta 2013: DIRETTA LIVE della 15esima tappa con il Peyragudes

oa-logo-correlati.png

Gentili lettori, un cordiale saluto dalla redazione di Olimpiazzurra che vi terrà compagnia in questo pomeriggio con la diretta scritta della 15esima tappa della Vuelta a España 2013, con arrivo sul Peyragudes dopo altri 3 Gran Premi della montagna di prima categoria. Cliccando qui potrete accedere alla presentazione dettagliata di una tappa che potrebbe risultare decisiva ai fini della classifica generale. Per aggiornare la diretta scritta vi basterà cliccare su F5 per gli aggiornamenti più recenti.

17.19: per oggi è tutto, la redazione di Olimpiazzurra vi saluta e vi ringrazia per aver seguito la diretta scritta della frazione odierna.

17.16: seconda posizione per Michele Scarponi che arriva con 3” di ritardo. Buona prova per il marchigiano, seguito sul traguardo da tutti i big, preceduti da Roche. Poi tutti gli altri con Nibali che taglia il traguardo in quarta posizione.

17.13: va a vincere il giovane francese che coglie il successo più bello della sua carriera.

17.12: ultimo chilometro! Continua, dietro, l’azione di Horner.

17.11: solo Rodrguez, Valverde, Nibali e Pozzovivo resistono al ritmo imposto in questo momento da Horner. Il lucano si conferma tra i migliori in salita ma non riesce a fare la differenza.

17.09: allungo di Rodriguez che chiude il gap, mentre Vincenzo Nibali non sembra molto brillante in questa fase.

17.08: sparata di Samu Sanchez! Insegue la Radioshack mentre Geniez è sempre più vicino al traguardo! Michele Scarponi si trova ancora ancora tra il francese e il gruppo.

17.04: Kiserlovski fa il ritmo per Horner mentre Geniez entra nei 3 km finali quasi con la certezza del successo di tappa.

15.58: continua a scattare Pinot e per la prima volta, con l’appoggio di Cherel, prova ad accelerare Pozzovivo. Geniez ha ancora più di 5′ di vantaggio sui big quando è a 7 dalla conclusione e vicino al tratto di discesa che divide la salita.

15.55: attacca Sanchez ma rilancia molto deciso Rodriguez! Nibali chiamato a chiudere, Horner e Valverde restano a ruota. Il siciliano potrebbe pagare ora che di fatto viene attaccato da tutti i lati.

15.53: fase molto divertente. Allunga ancora Pinot ma Rodriguez non vuole lasciargli spazio. Adesso è proprio lo spagnolo che accelera, chiudono Horner e Nibali con tranquillità. Pinot riprova ma Rodriguez stoppa.

15.52: più deciso l’allungo di Pinot che però viene inseguito dalla Katusha che ricuce il gap.

15.52: allunga Rigoberto Uran Uran. Riesce a prendere qualche metro di vantaggio.

16.50: attacca Alejandro Valverde! Chiude subito Rodriguez poi parte Nibali in contropiede! L’unico che reagisce è Horner, mentre successivamente rientrano da dietro.

16.49: sono rimasti in 12 nel gruppo dei big. Sempre ampio il ritardo nei confronti di Geniez.

16.46: attacca Daniel Moreno, del Team Katusha! Per la tappa potrebbe essere tardi visto che Geniez ha 6′ di vantaggio sul gruppo dei big. I Movistar chiudono.

16.42: il vantaggio del corridore della Saxo è salito oltre il minuto nei confronti di un gruppo abbastanza arrendevole. Con i big c’è ancora Fabian Cancellara, che evidentemente ha un bella gamba per il mondiale.

16.34: Roche, adesso, non sta guadagnando nulla sulla testa della corsa. Anzi, il distacco è salito a 5’10”. La strada inizia a salire per Geniez.

16.27: anche Igor Anton e Thibaut Pinot sono evasi dal gruppo in discesa e ora viaggiano con 100 metri di vantaggio sul gruppo Nibali. Rochè è a 4’50” da Geniez.

16.22: anche i big ora sono in discesa con un distacco di circa 5′ dai primi. Roche, 20” più avanti, viene aiutato da Zaugg, precedentemente in fuga, per disegnare le curve della discesa.

16.20: Geniez stacca un intimorito Cardoso in discesa ed è da solo al comando della corsa.

16.17: attacco di Nicholas Roche dopo il lavoro del compagno Soerensen. L’irlandese guadagna una cinquantina di metri anche se l’Astana ora sembra non voler forzare per chiudere.

16.12: Cherel è a circa 30” dai due battistrada ad un chilometro dalla vetta.

16.04: cambiata la situazione di corsa. Cardoso e Geniez sono in testa alla corsa a 35,2km dalla conclusione, seguiti da un gruppetto di inseguitori a 2’16”, mentre il grosso del gruppo è scivolato nuovamente oltre i 5′.

16.01: al momento non sta piovendo all’arrivo ma l’asfalto è bagnato e le temperature comunque basse. Anche la giornata odierna, per i corridori, non è certo facile.

15.57: sempre meno corridori per l’OmegaPharma – QuickStep dopo il ritiro di Tony Martin, appena ufficializzato. Il tedesco, probabilmente, cercherà di preparare al meglio il Mondiale a cronometro.

15.40: la salita fa le prime vittime e il gruppeto di inseguitori si screma. Tra gli uomini staccati anche Flecha

15.35: 3’30” e 4’40” i distacchi di inseguitori e gruppo nei confronti dei sei uomini al comando. Ormai i corridori sono sulle prime rampe della salita, che però non presentano pendenze significative.

15.16: praticamente all’imbocco della salita, il vantaggio della testa della corsa nei confronti del plotone è sceso sotto i 5′, mentre gli inseguitori sono a 3’20”

15.05: sempre più vicini alla penultima salita, il Col di Port de Balées, 19,2 km con una pendenza media del 6,2%.

14.58: 70 chilometri al traguardo e testa della corsa che è appena entrata in territorio francese, dove si concluderà la tappa.

14.45: continuano ad arrivare, intanto, notizie di altri abbandoni, probabilmente anche a causa del meteo, che non ha attenuato la sua morsa sulla corsa spagnola. Tra gli ultimi nomi anche quello di Zdenek Stybar, vincitore di una tappa.

14.42: tra gli inseguitori questi i nomi più interessanti: David Arroyo, Mikel Nieve, Giampaolo Caruso, Michele Scarponi, Sergio Henao, Rafael Majka, Juan Antonio Flecha e Oliver Zaugg. In totale, come già detto, sono in 19.

14.36: l’Astana in questo momento sta cercando di tenere sotto controllo la fuga e il vantaggio dei primi 6 è diminuito a circa 6′ nei confronti del plotone. Nel mezzo, sempre il gruppo di inseguitori, che è scivolato a 3′.

14.27: al momento mancano un centinaio di chilometri al traguardo e i fuggitivi stanno affrontando la discesa dal secondo puerto di giornata. Inizialmente la fuga era più numerosa ma i sei si sono avvantaggiati sui compagni di avventura che ora stanno inseguendo. Tra le altre cose si segnalano diversi ritiri, tra cui quello del campione del mondo Philippe Gilbert.

14.25: questa la situazione al momento. Al comando ci sono sei uomini: Alexander Geniez (FDJ), Francis De Greef (Lotto – Belisol), Warren Barguil ( Argos – Shimano), Nicholas Edet (Cofidis), Fernando Cardoso (Caja Rural) e Mikael Cherel (AG2R). Al loro inseguimento ci sono 19 uomini con un distacco di 2’20”; tra di loro dovrebbero esserci Michele Scarponi e Dario Cataldo, adatti a questa frazione. Il gruppo, invece, naviga a quasi 8′.

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top