Vuelta 2013: Geniez profeta in patria a Peyragudes, Scarponi secondo

oa-logo-correlati.png

Va ad Alexandre Geniez la quindicesima tappa della Vuelta de Espana 2013. Il francese della FDJ, nato nel 1988, trionfa a braccia alzate a Peyragudes, nell’arrivo in terra transalpina del grande giro iberico. Secondo l’azzurro Michele Scarponi, mentre nulla cambia tra i primi della classifica generale. Vincenzo Nibali, dunque, mantiene la Roja.

La classica fuga della mattina è composta da ventinove unità, che pian piano si sfaldano fino a rimanere sei in testa e diciannove ad inseguire. Tra gli azzurri spuntano i nomi di Michele Scarponi e Giampaolo Caruso. Nelle prime due ascese di giornata le notizie principali arrivano dai ritiri: lasciano infatti la corsa Philippe Gilbert, Tony Martin e Zdenek Stybar, intanto si passa in terra francese con Geniez – idolo di casa – che rimane da solo al comando nell’ultima discesa, staccando Manuel Cardoso. All’inseguimento, tra i big, c’è solo Nicolas Roche, che lascia il gruppo dei migliori dopo il lavoro del compagno Soerensen.

Tutto si decide sull’ultima salita, il Col de Peyresurde: 15 km di ascesa media del 6% con tratti al 10%. Occhi puntati sugli uomini di classifica: dai -10 al traguardo iniziano i primi scatti, con Vincenzo Nibali abile a chiudere su Alejandro Valverde e Purito Rodriguez. Intanto, il francese Genier guida tranquillamente la vetta della corsa e vede avvicinarsi il successo in casa propria. Che arriva, puntuale, in solitaria. Transitano Scarponi e Roche, che guadagnano gli ultimi abbuoni disponibili, mentre lo Squalo dello Stretto vince la volata dei big piazzandosi quarto.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: cyclismactu.net

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top