Volley, Europei 2013: le pagelle di Italia-Russia

oa-logo-correlati.png

Ieri sera all’Italia non riusciva l’impresa contro i campioni olimpici della Russia e si doveva accontentare dell’argento agli Europei 2013 di volley maschile. Di seguito le pagelle degli azzurri scesi in campo.

 

CUORE, PASSIONE, GRINTA: 10. Sono le tre grandi qualità di una squadra immensa, infinita, sorprendente e meravigliosa. Arrivata a giocarsi la finale tra mille difficoltà, afflitta da infortuni, continuando a cambiare sestetti. Perdendo con il Belgio nel girone (ma è stato un bene), superando la Bulgaria in semifinale (per la terza volta in un anno). Gioco spumeggiante e frizzantino, grinta da vendere, passione da tutti i pori. Ci si è dovuti inchinare solo di fronte allo strapotere di una Nazionale ancora troppo forte per noi (ma non abbiamo deragliato).

 

ERRORI IN BATTUTA: 2. La vera mancanza tecnica dell’incontro. Il fondamentale che spesso ci ha salvati, questa volta ci ammazza letteralmente e ci impedisce di giocare davvero alla pari contro i maestri. 23 errori dai9 metri sono una quantità epocale, un numero che si commenta da sé: troppi punti regalati alla squadra più forte del Mondo non ammettono repliche.

 

LUCA VETTORI: 8. Vero salvatore della Patria e futuro di questa Italia. Il terzo set è tutto suo, con una serie impressionante di attacchi che disintegrano la ricezione avversaria. Varietà di colpi spettacolari: parallele, diagonali, pallonetti. I russi faticano a capirci qualcosa per quasi due set e proprio in quel frangente l’Italia riapre la finale. Bassa la percentuale in attacco (44%), che spiega le difficoltà a trovare continuità di gioco e davvero troppi gli errori in battuta, diventati poi un vero macigno. Inspiegabile quando viene sostituito nel quarto set…

 

IVAN ZAYTSEV: 5. Caso vuole che l’Italia vince il terzo set e lui non sia in campo. Una coincidenza. Lo Zar fatica a carburare, fatica troppo in ricezione (ripasserà sicuramente il fondamentale in inverno per farsi trovare pronto nella prossima stagione) e il suo gioco ne risente. In attacco non brilla praticamente mai: attacca addirittura 20 palloni e solo tre si trasformano in punto…

SIMONE PARODI: 4. La sua presenza in campo è praticamente nulla. Non riesce a tenere testa agli avversari, produce solo quattro punti e non svolge al meglio il suo compito di banda. La sua scarsa vena realizzativa (16%) mette in seria difficoltà Travica che deve cambiare spesso compagno.

CRISTIAN SAVANI: 5. Rientra dall’infortunio, con grande grinta si rende protagonista dell’incontro, e riesce a piazzare quattro punti importanti nel secondo e nel terzo set. Poi crolla alla distanza. I tre falli di piede al servizio, i sei errori complessivi ai9 metri sono una mazzata per la squadra che non si rialza più.

 

DRAGAN TRAVICA: 7. Ha provato a variare il gioco affidandosi a tutto il suo fronte d’attacco. Quando ha capito che solo Vettori poteva seriamente aiutarlo ha servito solo lui, giustamente. Birarelli lo ha supportato con le prime. Ma spesso è stato il palleggiatore in prima persona a andare al di là della rete: tantissime seconde e ben sette punti messi a segno, con tre pregevoli muri.

 

THOMAS BERETTA: 5. Sbaglia proprio l’incontro più importante di tutto l’Europeo. Questa prima finale importante sarà di esperienza per un futuro radioso. Troppo forte Muserskiy per essere arginato seriamente.

EMANUELE BIRARELLI: 6,5. Al centro prova a fermare seriamente i russi, a volte con successo come nel terzo set. Alla lunga, però, il compito si fa arduo se non si è supportati. Sforna 11 punti importanti che ci tengono a galla in diversi frangenti dell’incontro.

SALVATORE ROSSINI: 6. La media tra alcuni brutti errori e alcuni salvataggi incredibili

 

MAURO BERRUTO: 9. Maiuscolo in questi tre anni: argento agli Europei 2011, bronzo alle Olimpiadi 2012, bronzo alla World League 2013. Manca l’oro. Questo è il livello dell’Italia: Russia e Brasile sono lontanissime, noi continuiamo a giocarcela con Serbia, Bulgaria, Polonia.

Il coach torinese porta in dote i meriti di aver “scoperto” Vettori e Beretta, i due giovani che hanno rivoluzionato questa squadra: uno in panchina in Serie A1, l’altro addirittura in Serie A2. Criticarlo sarebbe un delitto sportivo.

Solo due domande: perché togliere Vettori nel suo momento migliore? Perché privarsi di Zaytsev quando Parodi e Savani non riuscivano a ingranare? Nel Paese del tutti cittì, come lo definisce giustamente lui, arriverà sicuramente una risposta.

 

stefano.villa@olimpiazzurra.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top