Taekwondo, Europei junior: Maristella Smiraglia medaglia di bronzo

Taekwondo-Aleksandra-Kowalczuk-Karina-Zhdanova-Maristella-Miraglia-Verena-Wegscheider.jpg

Si sono aperti ieri, a Vila Nova de Gaia (Portogallo), i Campionati Europei junior di taekwondo, riservati agli atleti nati tra il 1996 ed il 1998. L’Italia ha subito iniziato bene, conquistando una medaglia di bronzo con Maristella Smiraglia nella massima categoria femminile, la +68 kg. In totale sono stati assegnati cinque titoli.

Partiamo proprio dalla categoria della Smiraglia: l’azzurra ha iniziato il proprio torneo sconfiggendo l’ucraina Anastasija Nebiulina con un netto 16-5, per poi battere la tedesca Rabia Yorulmaz per 10-3. L’unica ad avere la meglio sull’italiana è stata la polacca Aleksandra Kowalczuk, vincitrice in semifinale per 7-0. La Kowalczuk avrebbe poi trionfato in finale, battendo per 7-1 la russa Karina Ždanova, mentre l’austriaca Verena Wegscheider ha ottenuto l’altra medaglia di bronzo.

Restando tra le ragazze, la categoria -42 kg ha visto l’oro della russa Viktoria Khan, che ha fatto onore al suo nome vincendo l’atto conclusivo contro la tedesca Giuliana Federici con un perentorio 14-4. Sul podio sono salite anche la spagnola Gemma Sardina Álvarez e la britannica Abigail Stones.

L’oro delle -44 kg è invece andato alla sorprendente Kyriaki Kouttouki, che ha regalato una storica medaglia a Cipro, battendo per 5-1 la turca Makbule Nur Korucu. Medaglie anche per Amalia Tsekoura (Grecia) ed Anastasija Isakova (Russia), mentre l’azzurra Roberta Paccarié è stata eliminata sin dal primo turno dall’ucraina Tetyana Topčevska al golden point.

Passando ai ragazzi, l’Azerbaijan ha conquistato l’oro della categoria -55 kg grazie al 7-2 di Mahammad Mammadov ai danni del moldavo Nichita Ursu, che si è dovuto accontentare dell’argento. I bronzi sono invece finiti al collo del francese Kyliann Bonnet e del belga Si Mohamed Ketbi. L’azzurro Gabriele Lagan ha ottenuto una vittoria contro il croato Marko Maljković (8-3), ma ha poi ceduto di fronte a Bonnet (5-10).

L’ultimo titolo assegnato ieri è stato quello della categoria -68 kg, che ha visto il turco Berkay Akyol sconfiggere per 13-3 lo spagnolo Rubén Martínez García. Il podio è stato completato dal polacco Mikołaj Szaferski e dall’azero Tapdig Alakbarov. In questa categoria l’Italia schierava Davide Spinosa, vincitore al primo turno contro il bosniaco Alen Čukurija (14-3) ed al secondo contro il britannico Jacob Barnett (15-3). I quarti di finale sono però risultati fatali all’azzurro, travolto per 16-3 dal futuro campione europeo Akyol.

Tutti i componenti della squadra italiana

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Tag

Lascia un commento

Top