Rugby Championship, l’Australia si sblocca: Pumas domati 14-13

oa-logo-correlati.png

Tabù vittoria sfatato. L’Australia ritorna a vincere nel quarto turno del Rugby Championship, lo fa lottando fino all’ultimo contro un’Argentina ad un passo dalla prima vittoria nel torneo, ma fermata sul 14-13 da troppi errori di gestione e valutazione dell’incontro. E’ la prima gioia per coach McKenzie, un piccolo ma importante passo verso la redenzione definitiva.

Poco spettacolo, tanta intensità ma anche confusione da ambo le parti nei minuti iniziali. Sotto la pioggia di Perth sono i Pumas ad approcciare in modo più deciso il match, costringendo subito gli aussie nei propri 22; ne scaturisce il primo piazzato per Nicolas Sanchez, che muove lo score. Guidati da un buon Nic White, i Wallabies crescono con il passare dei minuti e con il piede di Christian Leali’ifano si portano avanti nel punteggio (6-3), scappando via poi al 26′: il lavoro degli avanti (finalmente) è di qualità sui 5 metri argentini, sull’allargamento del gioco l’ovale è proprietà dell’incontenibile Israel Folau, in try zone con una pregevole serpentina per l’11-3. Gli ospiti sembrano assorbire in fretta il colpo, si ripropongono in fase offensiva con buon ritmo ma una serie di piccoli errori impediscono ai Pumas di organizzare alcunché. Un’altra ingenuità in mezzo al campo al 40′, poi, regala ulteriori tre punti a Leali’ifano.

La verve e l’aggressività sudamericana sale in cattedra nella ripresa, ad occupare stabilmente la metà campo australiana. La difesa wallabies, però, è rapida e consistente nonostante sia messa sotto pressione e sporca gli assalti argentini, in mischia come in gioco aperto. Al 55′ Sanchez prova a smuovere lo score del secondo tempo con una punizione dalla lunga distanza, ma avrà più fortuna al 61′ (11-6). Va un po’ fuori giri la linea di difesa australiana al 64′ e consente ai Pumas di sfondare fino ai 5 metri, dove Contepomi trova il varco giusto per la corrente Juan Manuel Leguizamon, che firma la terza meta del suo Championship. I due punti addizionali di Sanchez riportano i suoi sotto di punto e risveglia i padroni di casa, ma Leali’ifano spreca malamente un fondamentale penalty al 70′, mentre deve fare i conti con il vento al 76′. L’Argentina non esce più dalla propria metà campo e i Wallabies possono festeggiare la prima, sofferta vittoria del torneo.

 

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top