Ginnastica, Mondiali -9: le grandi protagoniste. Lotta per il titolo

oa-logo-correlati.png

Il conto alla rovescia è ufficialmente iniziato. Mancano nove giorni ai Mondiali di ginnastica artistica!

Iniziamo la nostra marcia di avvicinamento presentando le ginnaste che, verosimilmente, si daranno battaglia per le medaglie e per i piazzamenti che contano nel concorso generale individuale. Difficilmente si uscirà da questi otto nomi per definire il podio, anche se le sorprese sono sempre dietro l’angolo.

 

SIMONE BILES (Stati Uniti d’America)

La Venere Nera è la superfavorita e ha in mano il pallino del gioco. Le sorti di questo Mondiale dipenderanno da lei e con il programma più difficile del lotto parte in pole position per conquistare il titolo più ambito. Ha dominato i campionati nazionali e ad Anversa potrebbe far incidere il suo nome nel codice dei punteggi grazie al doppio teso full out al corpo libero e chissà, qualcuno spera anche di vedere il suo nome sullo Yurchenko con triplo avvitamento al volteggio.

Punto di forza: un immenso Coraggio. Questo le permette di provare e riprovare gli elementi più difficili senza nessun timore. Risultato: delle difficoltà stellari su tutti gli attrezzi.

Difetto: quando non è in giornata, va in panico e commette grossi errori un po’ ovunque.

Attrezzi di punta: Corpo libero e Volteggio.

Un buon motivo per scommettere su di lei: è la migliore ginnasta presente in questo momento. Non ci sono dubbi.

Miglior risultato in carriera: Argento alla American Cup 2013. Debutta ai Mondiali.

Punteggi più alti in stagione: 60.500 (AA), 15.800 (VT), 14.850 (UB), 15.100 (BB), 15.050 (FX).

 

ALIYA MUSTAFINA (Russia)

La vera avversaria della Biles. La tartara dallo sguardo penetrante sbarca in Belgio per fare incetta di medaglie dopo una stagione memorabile: oro agli Europei con un rimontone da antologia, dominio alle Universiadi. Quest’anno è determinata a bissare il titolo mondiale conquistato nel 2010 e sembra avere in tasca nuovi spettacolari elementi. Dicono che sia appena guarita da un brutto virus, ma sappiamo che non la ferma nessuno.

Punto di forza: determinazione, fermezza e una buona dose di fortuna che spesso la accompagna. Aliya non ha paura di niente, è un animale da gara e non si lascia far prendere dalla tensione. Anzi! L’ansia pre-gara le dà maggiore forza.

Difetto: è spesso instabile a trave. Più volte la si vede cadere in gara su questa attrezzo e in una gara tirata non c’è margine d’errore. Se invece si mantiene in un equilibrio…

Attrezzo di punta: Parallele asimmetriche

Un buon motivo per scommettere su di lei: quando si mette in testa una cosa, la ottiene! E siamo certi che si è messa in testa di diventare campionessa mondiale per la seconda volta in carriera.

Miglior risultato in carriera: Campionessa mondiale 2010, Campionessa Europea 2013, Campionessa olimpica a parallele, Bronzo olimpico nel concorso generale.

Punteggio più alti in stagione: 59.850 (AA), 15.033 (VT), 15.500 (UB), 15.450 (BB), 14.466 (FX).

 

KYLA ROSS (Stati Uniti d’America)

L’unica Fierce Five a non aver mai smesso di allenarsi. Dopo che la gran parte delle sue compagne di squadra si sono date alla fama post-olimpica, la campionessa a squadre 2012 non ha mai smesso di allenarsi. Ha continuato a lavorare duramente e i risultati si sono visti. Se prima era nell’ombra delle sue compagne di squadra, adesso è si è aggiudicata un posto tra le star mondiali. Con grande regolarità si dovrebbe mettere la medaglia al collo, ma per l’oro serve sperare in un errore della connazionale.

Punto di forza: perfezionismo. Non si esibisce in un elemento se non è sicura di eseguirlo alla perfezione.

Difetto: bassa difficoltà degli esercizi e un corpo libero spesso non all’altezza della situazione.

Attrezzi di punta: parallele e trave.

Un buon motivo per scommettere su di lei: non sbaglia (quasi) mai. È sempre costante e stabile, non la si vede mai cadere da trave o sbagliare una presa alle parallele.

Miglior risultato in carriera: Oro a squadre Olimpiadi 2012.

Punteggi più alti in stagione: 60.500 (AA), 15.300 (VT), 15.500 (UB), 15.250 (BB); 14.500 (FX).

 

LARISA IORDACHE (Romania)

Lo scricciolo di Bucarest sbarca sul palcoscenico più importante con tanti sogni. Nelle ultime settimane sono girate delle voci su un suo possibile infortunio, ma al campionato nazionale ha smentito tutti. Deve riscattare la performance degli Europei, quando dominò la gara prima di farsi soffiare l’oro dalla Mustafina.

Punto di forza: il sorriso e il suo stile frizzantino con cui ammalia e coinvolge il pubblico. I fans la amano soprattutto per questo. Come anche per il suo esercizio alla trave, uno dei migliori al mondo.

Difetto: come tutte le rumene pecca a parallele. Agli Europei le hanno tolto l’oro e per essere al vertice è necessario eccellere su tutti e quattro gli attrezzi.

Attrezzo di punta: trave.

Un buon motivo per scommettere su di lei: il suo stile conquista i giudici. Le numerose penalità sull’artisticità e sull’interpretazione non la toccano mai. Anche se le sue parallele non sono di alto livello, i suoi altissimi punteggi a trave e corpo libero potrebbero farla salire sul podio.

Miglior risultato in carriera: Campionessa europea 2012, bronzo olimpico a squadre.

Punteggi più alti della stagione: 58.550 (AA); 14.900 (VT), 13.833 (UB), 15.675 (BB), 15.100 (FX).

 

VANESSA FERRARI (Italia)

La nostra grande Campionessa è tornata più aggressiva che mai. Dopo l’infortunio di Jesolo che l’ha tagliata fuori agli Europei, la bresciana ha tutte le carte in regola per replicare l’eccellente piazzamento delle Olimpiadi. E se poi uscissero super prestazioni e qualche errorino altrui, chissà che non si possa sognare qualcosa di magico…

Punto di forza: invincibilità. Lei non muore mai. Si rigenera ogni volta, rimanendo sempre ai vertici.

Difetto: una brutta tendinite che non le consente di essere mai al meglio.

Attrezzo di punta: corpo libero

Un buon motivo per scommettere su di lei: nonostante non sia più nel fiore degli anni continua a mantenere un livello competitivo. Raramente i suoi punteggi scendono al di sotto della soglia del quattordici. Perché ha un cuore grande così, perché è una Leonessa.

Miglior risultato in carriera: Campionessa Mondiale 2006, Campionessa Europea 2007.

Punteggi più alti in stagione: 57.600 (AA), 14.500 (VT), 14.400 (UB), 14.500 (BB); 14.400 (FX).

 

JAO JINNAN (Cina)

Capitana dello squadrone asiatico, pronta a dare battaglia fino all’ultimo in una situazione difficile. Non è data in grandissima forma, ma è sempre in grado di dare la zampata, desiderosa di tornare sul podio dopo il bronzo del 2011.

Punto di forza: precisione e accuratezza nel dettaglio. Il suo stile è impeccabile, la si vede molto raramente traballare. A differenza delle sue connazionali che brillano soprattutto a parallele e trave, lei si distingue con un buon volteggio e un buon esercizio al corpo libero.

Difetto: sembra essere leggermente infortunata e non sarà in formissima.

Attrezzi di punta: parallele asimmetriche e trave.

Un buon motivo per scommettere su di lei: Mantiene un buon livello su tutti gli attrezzi, in particolare a parallele dove prevediamo dei punteggi spaziali (molto probabilmente porterà il Mo salto).

Miglior risultato: bronzo individuale al Mondiali 2011.

Punteggi più alti in stagione: 57.801 (AA); 14.567 (VT); 15.567 (UB), 14.567 (BB); 14.134 (FX).

 

GIULIA STEINGRUBER (Svizzera)

Punto di forza: Potenza e perseveranza. Non molla, che continua a perfezionarsi di giorno in giorno. Se prima veniva considerata soltanto come specialista, ultimamente ci ha mostrato le sue nascenti doti da all-arounder ed un miglioramento generale incredibile.

Difetto: goffaggine?

Attrezzo di punta: volteggio

Un buon motivo per scommettere su di lei: Giulia è una ginnasta completa e se è al massimo della forma può fare molto di più di quanto si potrebbe aspettare da lei.

Miglior risultato in carriera: Oro al volteggio agli Europei 2013

Punteggi più alti in stagione: 59.400 (AA); 15.300 (VT), 15.100 (BB), 14.850 (FX).

 

ROXANA POPA (Spagna)

Punto di forza: potenza, determinazione e voglia di mettersi in gioco. Anche se non fa parte di una delle nazioni big della polvere di magnesio, Roxi è riuscita a farsi strada nella ginnastica internazionale raggiungendo un alto livello.

Difetto: le sue esecuzioni non sono altissime, ha ancora da migliorare.

Attrezzo di punta: probabilmente parallele.

Punteggi più alti in stagione: 58.083 (AA); 14.633 (VT); 13.633 (UB); 13.166 (BB); 13.900 (FX).

Un buon motivo per scommettere su di lei: ha un grosso potenziale che deve ancora sviluppare. Ha in tasca delle grandi routine, come visto negli ultimi video.

 

Ester Vicentelli

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top