Firenze 2013, i favoriti della prova in linea maschile

oa-logo-correlati.png

Se oggi pomeriggio gli specialisti della cronometro si daranno battaglia per il titolo iridato del tic-tac, gli altri atleti delle nazionali élite stanno affinando la preparazione per l’appuntamento di domenica, che rappresenterà il culmine della settimana mondiale toscana: tutti sognano quella medaglia, e tanti sono quelli che, effettivamente, possono giocarsi ottime cartucce.

Uno dei principali indiziati inizierà a svelare le proprie carte già nella prova odierna: Fabian Cancellara non ha mai fatto mistero di puntare al bersaglio grosso anche nella gara in linea. La sua condizione sembra eccelsa e la sparata che lo ha reso celebre in tutto il mondo può stroncare qualsiasi ambizione dei rivali in pochissimo tempo.
Il campione uscente, Philippe Gilbert, ha ritrovato la gamba migliore nelle tre settimane di Vuelta, tornando al successo che gli mancava esattamente dal trionfo di Valkenburg. Il Belgio avrà lo svantaggio di essere rappresentato solo da 7 uomini (uno dei quali, Jan Bakelants, sarà un’ottima seconda punta), ma Gilbert è un atleta molto furbo che si saprà far trovare pronto.
Peter Sagan ha collezionato una quantità incredibile di successi nell’intero arco della stagione, persino su percorsi mediamente impegnativi: quello fiorentino potrebbe tuttavia essere ancora un gradino sopra le sue potenzialità, anche se comunque, qualora Sagan fosse nella testa della corsa nel finale, diventerebbe il favorito numero uno per il suo inarrestabile sprint veloce.
Quattro podi in carriera non sono sufficienti per Alejandro Valverde,  al quale manca la medaglia d’oro: la Spagna, ovviamente, è una delle selezioni più temibili e il murciano dovrebbe esserne il faro, per quanto gente come Contador, Rodríguez e i due Sánchez possa dire la sua con una serie di attacchi a ripetizione.
L’Italia, a secco da Varese 2008, ha come capitano indiscusso e annunciato da mesi Vincenzo Nibali, il corridore più rappresentativo del pedale azzurro: alla Vuelta ha ceduto solamente ad un inimmaginabile Horner, a Firenze avrà però bisogno del supporto dell’intera squadra per fare “corsa dura” e tagliare fuori i campioni citati nelle righe precedenti.

Cinque nomi, dunque, sono da considerare come i principali favoriti della gara di domenica. Ma almeno il doppio sono i possibili outsider, da Quintana a Kolobnev, da Wiggins a Kwiatkoski sino alle “seconde punte” delle principali nazionali, e li tratteremo in un articolo a parte.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top