Europei basket 2013: l’Italia infila la quinta, imbattuta dopo la prima fase

oa-logo-correlati.png

Quinta vittoria consecutiva per l’Italia agli Europei di basket. In un match che non aveva alcuna valenza per la classifica gli azzurri hanno sconfitto per 82-79 la Svezia. La nostra nazionale aveva già staccato il biglietto per la seconda fase con la vittoria sulla Grecia di ieri e si era già assicurato il primo posto, piazzamento che le permette di andare avanti con quattro punti. Miglior marcatore degli azzurri Alessandro Gentile con 19punti, ma ottime prove anche di Aradori e Cinciarini, che mettono a referto rispettivamente 16 e 12 punti. Da segnalare come Marco Belinelli non abbia giocato nemmeno un minuto, in modo che possa rifiatare in vista degli impegni futuri.

Gli azzurri cominciano bene e sembrano avere subito la giusta motivazione per giocare questo tipo di partita. Un ottimo Aradori, con sette punti nei primi dieci minuti, e qualche bella giocata di Datome e Gentile permettono all’Italia di controllare la gara e di chiudere il primo quarto in vantaggio di sette lunghezze. Nel secondo quarto una tripla di Rosselli ci fa toccare anche il +10, ma con il passare del tempo l’attenzione degli italiani scende e la Svezia comincia a rimontare. Soffriamo terribilmente l’atletismo di Taylor e il talento di Jerebko, che permettono addirittura ai nostri avversari di toccare il +5 alla sirena dell’intervallo.

L’Italia rientra bene in campo dagli spogliatoi ed è ancora Aradori a suonare la carica e avvicinare gli azzurri fino alla parità. Purtroppo un altro break di 7-0 degli svedesi ci ributta indietro ed è ancora uno straordinario Taylor a farci male. Il giocatore degli Charlotte Bobcats sarà il miglior marcatore dell’incontro con 28punti. L’Italia si affida ancora una volta alla coppia Aradori-Gentile e alla sirena degli ultimi dieci minuti siamo in parità sul 63-63.

L’inizio dell’ultimo quarto del giocatore dell’Olimpia è straordinario e con cinque punti consecutivi guida il 7-0 azzurro. Purtroppo non è finita, perchè con due triple di Grant e del giovane Hakansson (classe 1996) gli scandinavi rimontano e ci fanno vivere un finale al cardiopalma. L’Italia comincia a sbagliare molto e ci innervosiamo per alcune chiamate arbitrali dubbie. Nel finale ci affidiamo alle penetrazioni di Cinciarini e ai liberi di Aradori e sulla sirena l’errore da tre di Jerebko ci grazia e ci fa esultare per la quinta volta in questo meraviglioso Europeo

 

Questo il tabellino della partita:

ITALIA – SVEZIA 82-79  (27-20; 43-48; 63-63;82-79)

ITALIA: Aradori 16, Gentile 19, Rosselli 3, Vitali 7, Poeta, Melli 11, Belinelli, Diener, Cusin7, Datome 7, Magro, Cinciarini 12

SVEZIA: Hakanson 5, Skjoldebrand 2, Kjellbom 6, Pita, A.Gaddefors 2, T.Massamba 6, Grant 3, Jerebko 21, B.Massamba, Rush, Taylor 28, V.Gaddefors 6

 

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto tratta da fibaeurope.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top