Doping, Senato francese: “Controlli anche la notte”

Antidoping.jpg

Una delle debolezze dei controlli antidoping messa in evidenza dal Rapporto della Commissione Antidoping del Senato francese è stata la prevedibilità anche di quei controlli detti “a sorpresa” (vedi articolo). Molto spesso, infatti, gli atleti si comportano come se i controlli fossero attesi, e quindi anche i disonesti possono regolarsi di conseguenza per cercare di aggirare l’antidoping.

Al momento, in effetti, i controlli possono essere effettuati sette giorni su sette, ma solamente dalle ore 6:00 della mattina fino alle ore 23:00, orario nel quale gli sportivi sono tenuti ad essere rintracciabili. Il Senato francese propone invece di rivedere il codice mondiale antidoping, per introdurre controlli a sorpresa in tutti i momenti della giornata, inclusa la notte, per lo meno in determinati casi specifici. Secondo la Commissione, questa modifica non sarebbe eccessivamente intrusiva.

IL RAPPORTO DELLA COMMISSIONE ANTIDOPING DEL SENATO FRANCESE

1. I dopati del Tour ’98
2. 60 proposte contro il doping
3. Più controlli per gli sport di squadra
4. I dopati sono quattro volte di più dei positivi
5. Nessuno sport è esente dal doping
6. Doping anche nel golf!
7. Le pratiche dopanti della Juventus
8. La classifica degli sport più dopati
9. I controlli “a sorpresa” non sono a sorpresa
10. I dilettanti peggio dei professionisti
11. Il doping si evolve, ecco il doping genetico
12. Il doping uccide!
13. Doping e droga, due mondi strettamente connessi
14. Geografia del doping: Paesi produttori e Paesi senza regolamentazioni
15. Martin Fourcade: “Impossibile convincere i giovani”
16. Ecco come ciclisti e tennisti aggirano l’antidoping

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top