America’s Cup: Oracle ruggisce e si aggiudica la quarta regata

oa-logo-correlati.png

Dopo l’estate, a San Francisco arriva pure la prima vittoria di Oracle. Il team di Russell Coutts, sconfitto nella terza regata, dimostra di potersela giocare andando a cogliere il successo nel quarto match race.  -1 dunque per il defender penalizzato per aver barato sul peso dei catamarani adoperati negli ultimi due anni di ACWS.

Regata 3 

Si alza il segnale di attenzione e comincia il confronto Emirates New Zealand-Oracle Team USA, il terzo di questa finale. Gli americani partono alla grande e sino alla terza boa sono in vantaggio; in questo frangente, tuttavia, Dean Barker mostra tutta la sua classe: da uno svantaggio di 17 secondi, arriva a raggiungere e superare l’avversario dopo uno spettacolare duello di virate. Al traguardo i kiwi arrivano in tranquillità, manovrando senza fretta. e chiudendo con 28 secondi di vantaggio.

Corsa: 5 lati – 9.94 miglia nautiche
Tempo impiegato: ETNZ  25:00, ORACLE 25:28
Distacco: ETNZ +: 28
Distanza totale navigata: ETNZ 11.8 NM, ORACLE 12.1 NM
Velocità media: ETNZ 28.57 nodi (33 mph), ORACLE 28.62 nodi (33 mph)
Velocità massima: ETNZ: 42.25 nodi (49 mph), ORACLE: 41.37 nodi (48 mph)
Velocità media del vento: 16.8 nodi con picchi fino a 19.3 nodi

Regata 4 

James Spithill si prende una piccola rivincita, conducendo la regata dall’inizio alla fine. Nemmeno un’ingavonata alla boa di poppa priva gli americani della vittoria. I neozelandesi infatti scelgono il lato sbagliato del campo di regata e nonostante un bel recupero si fermano a 8 secondi dal defender, accolto al traguardo da un pubblico in festa.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top