Judo, Mondiali: i risultati dell’edizione 2011

Judo-Lucie-Décosse.jpg

Siamo oramai ad un giorno dall’inizio dei Mondiali di judo 2013 in quel di Rio de Janeiro, capitale dell’omonimo stato brasiliano. Nell’attesa, vi ricordiamo come andò l’ultima edizione, svoltasi due anni fa a Parigi.

L’edizione del 2011 è stata storica, in quanto per la prima volta dalla creazione dei Mondiali unificati (vale a dire uomini e donne insieme) il Giappone non ha vinto il medagliere della competizione. Il primato è infatti andato alla Francia con sei ori ed un bronzo, sebbene il Giappone abbia vinto un totale di 17 medaglie, ma “solo” cinque del metallo più pregiato. Per ritrovare un risultato del genere bisogna risalire all’ultima edizione dei Mondiali femminili, svoltisi nel 1986 a Maastricht, quando la miglior nazione fu la Gran Bretagna, mentre la Francia non vinceva addirittura dai Mondiali femminili di Parigi 1982.

Il grande protagonista dell’edizione parigina fu il gigante di casa, Teddy Riner (+100 kg), che ottenne il quinto titolo mondiale individuale, divenendo l’unico nella storia ad ottenere questo traguardo. Non contento, Riner ottenne assieme ai compagni anche la medaglia d’oro a squadre. Gli altri titoli francesi giunsero dal settore femminile, dove si laurearono campionesse mondiali Gévrise Émane (-63 kg), Lucie Décosse (-70 kg, foto) ed Audrey Tcheuméo (-78 kg), che insieme trascinarono anche la squadra all’oro. Per la Émane si trattò del secondo titolo mondiale, per la Décosse addirittura del terzo.

I cinque ori giapponesi giunsero quasi tutti dalle categorie più basse: Haruna Asami (-48 kg), Misato Nakamura (-52 kg) e Aiko Sato (-57 kg) tra le donne, e Masashi Ebinuma (-66 kg) e Riki Nakaya (-73 kg) ottennero il titolo mondiale, mentre nelle prove a squadre il Giappone dovette accontentarsi di un argento al maschile e di un bronzo al femminile.

I cinque titoli restanti furono invece raccolti da cinque Paesi differenti: l’Uzbekistan con Rishod Sobirov (-60 kg), la Corea del Sud grazie a Kim Jae-Bum (-81 kg), la Grecia con Ilias Iliadis (-90 kg), la Russia con Tagir Khaybulaev (-100 kg) e la Cina grazie a Tong Wen (-78 kg) salirono per una volta a testa sul gradino più alto del podio.

Pur senza ottenere ori, fu ottima anche la prestazione del Brasile, capace di conquistare tre argenti e tre bronzi, e piazzandosi quindi al terzo posto per numero totale di medaglie ottenute, ovviamente alla spalle di Giappone e Francia.

Pur presentandosi con 14 judoka, invece, l’Italia non ottenne nessuna medaglia, confermando il risultato negativo del 2009.

Le squadre dei Mondiali di judo: BRASILE FRANCIAITALIAGEORGIAGIAPPONEOLANDA

ISCRIVITI E COMMENTA SUL NOSTRO GRUPPO FACEBOOK

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top