Eneco Tour 2013: David Lopez Garcia doma la Redoute

oa-logo-correlati.png

Una salita il cui nome emana leggenda per la sesta tappa dell’Eneco Tour 2013, 150 km da Riemst a Aywalle. La Redoute il giudice insindacabile per la penultima frazione della breve corsa a tappe che ogni giorno regala nuove emozioni. Tutto, ad un giorno dalla conclusione, è ancora in gioco per la quel che riguarda la classifica generale.

Data l’importanza della tappa si è sviluppata, nelle prime fasi di corsa, una fuga molto corposa, composta da ottimi corridori alla ricerca del successo personale. Vyacheslav Kuznetsov (Katusha), Gregory Habeaux (Accent Jobs), Jurgen Van Goolen (Accent Jobs), Evan Huffman (Astana), Stijn Vandenbergh (Omega Pharma QuickStep), Angel Madrazo Ruiz (Movistar), David Lopez (Team Sky), Nick Nuyens (Garmin-Sharp), Pim Ligthart (Vacansoleil), Lieuwe Westra (Vacansoleil) e Maciej Paterski (Cannondale) hanno tentato la fortuna, e il plotone, almeno inizialmente, ha lasciato fare. Il vantaggio è salito fino ad oltre 7′, ma successivamente il gruppo ha reagito, riportandosi sotto. A 50 km dalla conclusione una caduta, proprio nel drappello principale, ha mandato per terra, tra gli altri, anche il Campione del Mondo Philippe Gilbert, uno dei favoritissimi della frazione odierna.

L’inseguimento del vallone, nei successivi 25 km non è certamente stato semplificato dal gruppo, nel quale si sono susseguiti scatti e controscatti, mentre il numero di corridori ancora presenti davanti diminuiva fino a raggiungere le 30 unità, tra le queli non figurava il leader della generale Lars Boom. Gli ultimi chilometri sono stati un susseguirsi di emozioni, con i fuggitivi rimasti per lunghi tratti ad un minuto di distanza dagli inseguitori. Zdenek Stybar, in un periodo di forma stratosferico, ha attaccato nel finale, ma nonostante la grandissima gamba non è riuscito a riprendere David Lopez, che ha regalato il successo al Team Sky, che quindi ottiene una vittoria importante nonostante lo spagnolo non sia, abitualmente, uno dei capitani.

Ha chiuso al terzo posto Maciej Paterski, mentre Tom Dumoulin ha agguantato la quarta posizione. Grazie a questa prestazione l’olandese della Argos ha anche preso la testa in classifica generale, seguito da Stybar in seconda posizione. La corsa si deciderà domani sugli storici muri del Giro delle Fiandre, una garanzia di spettacolo.

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top