Nuoto, Settecolli: al mattino bene Scozzoli, Barbieri e Turrini

oa-logo-correlati.png

Seconda giornata al Settecolli e andiamo a vedere i risultati delle batterie di questa mattina:

200m Farfalla Donne: miglior tempo per la giovane ungherese Liliana Szilagyi (classe 1996) in 2’11”17. Alle sue spalle si sono piazzate la svedese Martina Granstroem e la connazionale Zsuzsanna Jakabos. La migliore tra le azzurre è stata Stefania Pirozzi, quarto tempo complessivo e cronometro fermato sul 2’13”20.

 

200m Farfalla Uomini: è del rumeno Alexandru Coci il miglior crono di questa mattina (1’59”85). Subito dietro al rappresentante della Romania ci sono i nostri Matteo Pelizzari e Nicolo Bini, con il primo bravo a scendere sotto il muro dei due minuti, fermando il cronometro sul tempo di 1’59”93.

 

100 Dorso Donne: dominio incontrastato per una delle grandi protagoniste di questo Sette Colli, infatti Arianna Barbieri non ha avuto il minimo problema a mettersi dietro le avversarie, chiudendo la sua batteria con il miglior tempo di 1’01”61. Distanziate l’americana Coleman e la francese Credeville, rispettivamente secondo e terzo miglior crono di giornata.

 

100 Dorso Uomini: Camille Lacourt (54’85) appare il grande favorito per la finale pomeridiana. Il transalpino precede il nostro Mirco Di Tora (55’28) e l’olandese  Bastiaan Lijesen.

 

400 Misti Uomini: era una delle gare più attese per il duello tra Italia ed Ungheria. A spuntarla sono stati i magiari, visto che Daniel Verraszto ha preceduto tutti con il tempo di 4’17”25. Al secondo posto si è classificato il nostro Federico Turrini ( 4’19”26), che ha commentato così la sua prova: “Questa è una tappa importante di avvicinamento ai Mondiali  il livello tecnico è molto alto ed anche se la condizione fisica non è al massimo, la testa c’è e la concentrazione è al 100%. Sono contento del mio tempo in batteria, pensavo di aver nuotato più alto”.
Terzo tempo per il sempre eterno Lszlo Cseh, che ha fermato il crono sul 4’19”38, mentre delude Luca Marin, solamente quinto e con il tempo molto alto di 4’22’83.

 

400 Misti Donne: al fratello Daniel, risponde la sorella  Evelyn, infatti è dell’ungherese il miglior tempo in mattinata (4’46”30). Al secondo posto l’altra magiara Zsuzsanna Jakabos  e al terzo la ceca Barbora Zavadova. Luisa Trombetti è stata l’azzurra migliore in 4’49”89, quarto tempo della mattinata.

 

100 Stile Donne: la francese Camille Muffat stampa il miglior tempo sul 54’58, precedendo la svedese Coleman e l’olandese Heemskerk. Staccate le azzurre che hanno in Alice Mizzau la migliore con il settimo tempo in 55’81.

 

200 Stile Uomini: bella prova di Marco Belotti, che realizza il milgior tempo in 1’48”50, precedendo l’altro azzurro Riccardo Maestri (1’48”84) e l’olandese Sebastian Verschuren.

 

50 Rana Donne: Michela Guzzetti  in 31’50 è la più veloce del lotto. Una buona batteria quella dell’azzurra, che precede l’olandese Moniek Nijhuis e Martina Carraro, terzo crono con 31’82.

 

50 Rana Uomini: il dominatore della rana del Sette Colli è Fabio Scozzoli, che vince la sua batteria e pone il milgior tempo sul 27”64, tre centesimi meglio del brasiliano Joao Gomes Junior. Terzo tempo per un altro azzurro  Andrea Toniato in 27’74.

 

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto tratta da nanopress.it

Lascia un commento

Top