La Francia denuncia la disorganizzazione dei Giochi del Mediterraneo

Canottaggio-Chardin-Mortelette.jpg

La Federazione Francese di Pallamano (FFH) aveva già deciso di non schierare le proprie nazionali ai Giochi del Mediterraneo, mettendo in evidenza le lacune dell’organizzazione turca. La stessa scelta è stata fatta dalla Federazione di Canottaggio: la Francia avrebbe infatti dovuto schierare quattro imbarcazioni e sette rematori in tutto, ma è stato deciso negli ultimi giorni che non si recheranno in Turchia.

Le cause di questa decisione sono molto simili a quelle che hanno portato alla rinuncia della FFH: in particolare, le prove di canottaggio, come quelle di pallamano, si svolgeranno ad Adana, ad 80 km di distanza da Mersin, una scelta che è stata comunicata in ritardo da parte dell’organizzazione e senza garanzie per quanto riguarda gli atleti, ad iniziare dall’alloggio. Inoltre, le gare di canottaggio si svolgeranno sulla distanza di 1000 metri, atipica rispetto ai classici 2000. Scarse informazioni sono state date anche sulle imbarcazioni messe a disposizione, mentre la Federazione Francese di Canottaggio non ha mancato di sottolineare la vicinanza di Adana alla frontiera siriana, causa di possibili problemi di sicurezza per gli atleti.

I rematori francesi prepareranno quindi direttamente la Coppa del Mondo di Lucerna (12-14 luglio).

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top