Giochi del Mediterraneo, Elio Verde: “A Mersin punto al massimo”

oa-logo-correlati.png

Il 2013 gli ha portato finora un titolo italiano ed una nuova categoria: a quattro anni di distanza dall’oro di Pescara 2009, Elio Verde punta a raggiungere la medaglia più preziosa anche nell’edizione 2013 dei Giochi del Mediterraneo. 

Il 26enne judoka di Trentola Ducenta (Caserta) ha deciso di puntare su una nuova categoria di peso, passando dai 60 kg che lo hanno portato a conquistare un bronzo ai Mondiali e due agli Europei, un oro mediterraneo, 4 titoli italiani, ma soprattutto una medaglia di “legno” a Londra 2012, con il podio olimpico sfiorato di un soffio, ai 66 kg: “Per me è tutto un po’ nuovo – spiega l’atleta delle Fiamme Orosia gli avversari che gli stimoli e le motivazioni che restano però sempre importanti. Credo nel lavoro che sto facendo e spero di fare molto bene anche in questa categoria“.

Il tricolore conquistato a Catania ad aprile è un primo importante segnale in tal senso, ma Mersin è già alle porte e domani per Verde sarà già tempo di salire sul tatami: “Spero di bissare il successo di Pescara 2009 anche in questa nuova categoria“.

Dopo Mersin, il casertano partirà alla volta di Mosca per partecipare alla tappa del Grand Slam di Mosca, antipasto estivo prima dei Mondiali di fine agosto a Rio de Janeiro: “Ci saranno anche diversi stage e raduni collegiali con la nazionale prima dell’appuntamento di Rio – aggiunge Verde – spero di prepararmi al meglio“.

In Brasile però e soprattutto a Rio, Verde spera di poterci ritornare anche nel 2016: “Mancano ancora tre anni – conclude il judoka della nazionale – e nel judo sono un’eternità, ma spero di qualificarmi per puntare al podio, sperando questa volta di poterlo raggiungere“.

gianluigi.noviello@olimpiazzurra.com

Twitter: @Giannoviello

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top