Ginnastica, Giochi del Mediterraneo: le qualificate alle finali

oa-logo-correlati.png

Dopo l’esultanza anticipata (giustamente) stamattina, ora possiamo ufficialmente annunciarlo: l’Italia ha vinto l’oro a squadre ai Giochi del Mediterraneo 2013! La prova era valevole anche come qualificazione alle finali individuali che si disputeranno domenica (concorso generale) e lunedì (specialità). Ecco il quadro completo delle qualificate:

 

CONCORSO GENERALE (prime sette posizioni):

1.         Vanessa Ferrari (Italia)      54.632

2.         Giorgia Campana (Italia)   54.498

3.         Valentine Sabatou (Francia)   53.799

4.         Vasiliki Millousi (Grecia)       53.733

5.         Roxana Popa Nedelcu (Spagna) 53.165

6.         Maria Paula Vargas (Spagna)  53.065

7.         Maelys Plessis (Francia)         53.031

 

PARALLELE ASIMMETRICHE:

1.         Maria Paula Vargas (Spagna)  13.866

2.         Giorgia Campana (Italia)   13.766

3.         Chiara Gandolfi (Italia)      13.700

4.         Vasiliki Millousi (Grecia)       13.400

5.         Maelys Plessis (Francia)         13.366

6.         Valentine Sabatou (Francia)   13.133

7.         Roxana Popa Nedelcu (Spagna) 13.033

Giulia Leni chiude al quarto posto (13.666) ma non può partecipare all’atto finale per la regola dei passaporti.

 

TRAVE:

1.         Giorgia Campana (Italia)   14.266

2.         Vanessa Ferrari (Italia)      14.066

3.         Vasiliki Millousi (Grecia)       13.833

4.         Valentine Sabatou (Francia)   13.600

5.         Oziom Ozkan (Turchia)         13.133

6.         Maelys Plessis (Francia)         13.133

Chiara Gandolfi è quinta (13.400) ed Elisabetta Preziosa sesta (13.366) ma entrambe non possono partecipare alla finale per la regola dei passaporti.

 

CORPO LIBERO:

1.         Vanessa Ferrari (Italia)      14.000

2.         Elisabetta Preziosa (Italia) 13.633

3.         Valentine Sabatou (Francia)   13.433

4.         Roxana Popa Nedelcu (Spagna) 13.333

5.         Maelys Plessis (Francia)         13.066

6.         Maria Paula Vargas (Spagna)  13.066

7.         Vasiliki Millousi (Grecia)       13.000

8.         Sasa Golob (Slovenia)                        13.000

 

VOLTEGGIO:

1.         Fadwa Mahmoud (Egitto)      14.317 (14.600 e 14.033)

2.         Nancy Taman (Egitto)                       13.833 (14.033 e 13.633)

3.         Johanna Cano (Francia)          13.550 (13.800 e 13.300)

4.         Teja Belak (Slovenia)             14.066 (13.766 e 14.366)

5.         Dernet Mutlu (Turchia)          13.517 (13.700 e 13.333)

6.         Giulia Leni (Italia)               13.400 (13.600 e 13.200)

 

Quindi l’Italia schiererà due atlete in ciascuna finale (ad eccezione del volteggio dove ci rappresenterà la sola Leni). Nel concorso generale le azzurre prenderanno due gradini del podio: staremo a vedere il colore delle medaglie che dipenderà dalla spagnola Popa, oggi apparsa sottotono. Per le specialità ci sono concrete specialità di conquistare sempre due medaglie, ad esclusione del volteggio dove Giulia Leni dovrà dare davvero tutto se vorrà prendersi almeno il bronzo.

Solo in due occasioni l’Italia ha conquistato medaglie da tutte le discipline: nel 1971 e nel 2005.

 

stefano.villa@olimpiazzurra.com

(la foto è di Claudia Ferré)

Lascia un commento

Top