Europei Under 21: è un’Italia che piace e diverte

oa-logo-correlati.png

La nazionale Under 21 è in semifinale. Un traguardo raggiunto dagli azzurrini dopo la vittoria di ieri sera contro Israele per 4-0. Un successo ottenuto in maniera netta e schiacciante dalla truppa guidata da Davis Mangia, che si candida più che mai ad un ruolo da protagonista in questo Campionato Europeo. Una serata che aumenta le ambizioni della nostra squadra e mette in vetrina talenti puri come quello di Manolo Gabbiadini e di Riccardo Saponara.

L’attaccante di proprietà della Juventus è stato il mattatore dell’incontro con una doppietta, ma non ci sono solo i gol a premiare la giovane punta, vista l’ottima intesa avuta con il partner d’attacco Ciro Immobile. Il tandem offensivo azzurro è uno dei più forti e affiatati della manifestazione. Due ragazzi che vedono con estrema facilità la porta, ma che non disdegnano l’assist e la giocata per il compagno, come dimostrano le due giocate del centravanti campano in occasione del vantaggio e del raddoppio azzurro.
Inoltre va ricordato come il nostro allenatore possa contare in panchina su giocatori, come Mattia Destro e Fabio Borini, che sono delle validissime alternative all’ormai coppia titolare Gabbiadini-Immobile.

Devis Mangia non può assolutamente essere considerato un difensivista, anzi nelle formazioni del tecnico ex Palermo non mancano mai giocatori che sanno dare del tu al pallone. L’undici messo in campo ieri sera ne è un perfetto esempio di come il nostro allenatore voglia puntare sul talento e sulla classe dei propri ragazzi. Infatti in appoggio alle due punte c’erano ben due giocatori: Lorenzo Insigne e Riccardo Saponara. Due assoluti fenomeni, che sanno cambiare il volto della partita da un momento all’altro con una sola giocata. Purtroppo uno sciagurato intervento di Gulasa potrebbe aver messo fuori dai giochi il folletto napoletano, anche se dalle ultime notizie sembrano essere escluse qualsiasi frattura ossea.

Per ora abbiamo parlato solo del reparto offensivo, ma un altro punto forte di questa Under 21 è la retroguardia difensiva. La difesa azzurra non prende gol da cinque partite e nonostante qualche paura iniziale, anche nel match di ieri sera hanno costruito un muro insuperabile. I due terzini Donati e Biraghi fanno un ottimo lavoro sia in spinta che in copertura e tra Caldirola e Bianchetti c’è ormai un’intesa costruita dai tempi dell’Inter. Infatti il colore nerazzurro è proprio il comune denominatore che lega i quattro e anche il nostro portierone Bardi, visto che tutti e cinque i componenti della difesa azzurra sono sotto contratto con la squadra del presidente Moratti, che potrebbe decidere di ripartire da loro per aprire un nuovo ciclo della sua Inter.

Alla fine di tutto, però, il grande artefice di questa bellissima Under 21 è il nostro allenatore. Devis Mangia ha costruito una delle nazionali più forti degli ultimi anni, che ha come caratteristica quella di imporre il proprio gioco sugli avversari, giocando bene e divertendo. Vincere questo Europeo, vista anche la forte concorrenza di squadre come Olanda e Spagna, sarebbe davvero un piccolo capolavoro di uno degli allenatori emergenti migliori che il calcio italiano ha messo in mostra in queste stagioni.

 

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto tratta da ilsecoloxix.it

 

 

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top