Europei U21, Italia-Spagna: i precedenti

oa-logo-correlati.png

Italia e Spagna si sono affrontate in finale in altre due occasioni e curiosamente in entrambe le sfide sono stati decisivi i calci di rigore.

Nel 1986 la prima sfida con match di andata e ritorno. L’Italia di Mancini, Matteoli, Donadoni, Zenga e Vialli vinse la gara d’andata all’Olimpico 2-1 ma venne sconfitta con lo stesso punteggio a Barcellona. Si andò dunque ai rigori con la Spagna che si aggiudicò il trofeo.

Le formazioni del 29 ottobre 1986:
Spagna: Ablanedo, Sánchez Flores, Andrinúa, Sanchís, Solana, Eusebio, Gallego, Roberto, Gabino, Eloy, Llorente.
Italia: Zenga, Ferri, Cravero, Francini (Carobbi 104′), Baroni, Donadoni (Desideri 90′), Di Napoli, Matteoli, Giannini, Mancini, Vialli.

10 anni dopo, sempre a Barcellona, l’Italia di Cesare Maldini si prese la rivincita: rimasti in nove per le espulsioni di Nicola Amoruso e Raffaele Ametrano gli azzurrini riuscirono a bloccare gli spagnoli sull’1-1. Ai rigori il portiere Angelo Pagotto risultò decisivo parando i tiri di De la Peña e Raúl.

Le formazioni del 31 maggio 1996:
Italia: Pagotto, Panucci, Cannavaro, Nesta, Galante (Pistone 120′), Fresi, Ametrano, Tommasi (Tacchinardi 75′), Brambilla, Totti (Morfeo 75′), Amoruso.
Spagna: Mora, Mendieta, Santi Denia, Sergio Corino, Aranzabal, José Ignacio, De la Peña, Roberto Fresnedoso, Idiakez (Oscar García), Lardín (Morientes 75′), Raúl.

Sequenza rigori: Panuccci (fuori), De La Pena (parato), Fresi (goal), De Pedro (goal), Pistone (goal), Aranzabal (goal), Nesta (goal), Raul (parato), Morfeo (goal).

Foto ©Fevre/Presse Sports

francesco.drago@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top