Atletica, Giochi del Mediterraneo: quattro medaglie per l’Italia

oa-logo-correlati.png

Preventivato oro di Daniele Greco e bronzo di Fabrizio Schembri nel triplo (cliccate qui per saperne di più), deludente argento di Libania Grenot sui 200m (cliccate qui per leggere l’articolo), bronzo di Silvia Salis nel martello. Quattro medaglie. Questo il bilancio dell’atletica leggera italiana nella sua prima giornata di gara ai Giochi del Mediterraneo.

 

Silvia Salis conquista una medaglia di bronzo nel lancio del martello che ha davvero poco valore. Solo quattro partecipanti e terzo posto strappato con un modesto 62.52 al primo tentativo (poi sono arrivati ben cinque nulli) che basta per avere la meglio della turca Aysegul Alniacik di 29 centimetri. Vince, come da pronostico, la francese Jessica Guehaseim (67.14) davanti alla spagnola Berta Castells Franco (66.16).

 

Margherita Magnani continua a fare passi da gigante sui 1500m, fa registrare il suo personale (4:06.34) ma va via da Mersin sicuramente con quel pizzico di amaro in bocca per aver perso di soli 12 centesimi il volatone per il bronzo. Sul podio ci sale la turca Tugba Koyuncu, seconda l’albanese Luiza Geca (4:05.63), mentre la marocchina Siham Hilali domina in assolo con il record dei Giochi (4:04.06). Giornata assolutamente positiva, anche perché diventa la settima italiana di tutti i tempi sulla distanza. Giulia Viola è sesta (4:10.00).

Diego Marani chiude al quarto posto i suoi 200m (20.78) mentre Davide Manenti è settimo (20.86).

 

L’asta senza Bruni (infortunata) e Malavisi (alle prese con la maturità) si è affidata a Giulia Benecchi che non si è comportata male. Ha chiuso al quinto posto con 4.30.

Ultimo Norbert Bonvecchio nel giavellotto: 72.55m.

 

Era attesissimo Emanuele Abate sui 110hs (possibile una medaglia), ma il primatista italiano ha preferito rinunciare a causa dai un dolore al piede destro patito durante il riscaldamento.

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top