Alberto Ghidoni: “Una soddisfazione enorme”


Dietro una grande squadra, c’è un grande staff tecnico. E dietro l’Italjet che domina le prove veloci della Coppa del Mondo di sci alpino, ci sono una serie di tecnici di valore assoluto: Gianluca Rulfi, Max Carca, Christian Corradino, Alberto Senigagliesi e Alberto Ghidoni. Proprio il Ghido, carabiniere bresciano della Val Trompia, è ritornato quest’anno ad allenare gli azzurri, dopo essere già stato al timone dei velocisti ai tempi di Ghedina, Vitalini, Fattori, Runggaldier e soci negli anni novanta. Sentiamo cos’ha dichiarato l’allenatore lombardo in esclusiva per Olimpiazzurra:

Vincere sulla Streif è il massimo per un discesista. Davvero, secondo me conta più di una medaglia mondiale. E’ una soddisfazione enorme, ma del resto quest’anno i ragazzi continuano a regalarcene tante: vanno in pista sempre con la convinzione di essere tra i migliori, di saper sciare bene, e lo dimostrano continuamente. Dominik Paris è migliorato tantissimo sotto l’aspetto tecnico: non è certo merito solo del lavoro di quest’estate, bensì di un processo più lungo; il ragazzo comunque è giovane, ci sa fare e si migliora costantemente. Sono convinto che anche ai Mondiali di Schladming possa fare bene, assieme a Werner, Christof e a tutti i compagni”. Infine, Ghidoni ci parla delle condizioni di Peter Fill, vittima di una caduta spettacolare e drammatica al tempo stesso all’imbocco della stradina: “Ha un po’ di mal di schiena e la mano indolenzita, adesso è impegnato con gli esami del caso. Comunque non dovrebbe essere niente di serio: certo, c’è un bel rimpianto perché stava andando davvero forte e avremmo potuto vederlo molto vicino a Dominik”.

 foto tratta da raceskimagazine.it

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top