Volley maschile, Top&Flop della sesta giornata

oa-logo-correlati.png

Sesta giornata di A1 maschile ormai alle spalle e Olimpiazzurra come ogni lunedì vi propone i Top&Flop del weekend pallavolistico. Questi i promossi e i bocciati secondo la nostra redazione.

 

TOP:

Al primo posto un super Simone Parodi. Mancano Kovar e Savani per i noti infortuni e allora ci pensa il martello azzurro, proprio sotto gli occhi dei tecnici nazionali Broglioni e Giani, a metterci una pezza e a portare la sua Macerata verso la sesta vittoria consecutiva. Un comodo 3-0 a Perugia che passa per i suoi 15 punti (61% in attacco), tutti di ottima fattura, bombe capaci di spaccare i set. Si è giocato fino in fondo l’mvp col compagno Sasa Starovic, un punto meno di lui, ma esaltato da addirittura sei ace.

Al secondo posto Nikola Grbic. Sangue freddo classe e grande capacità di leggere la partita. Il palleggiatore di Cuneo è magistrale nel guidare i suoi e risollevarli da un doppio ko consecutivo. È grazie al serbo se tutto l’attacco si esalta. Lo premiamo i sedici punti di Sokolov, i dodici di Ngapeth e i nove (ma con l’82% in attacco) di Wijsmans. I piemontesi vanno, scavalcano Piacenza e respirano.

Al terzo posto un incontenibile Giulio Sabbi. Il giovane azzurro si dà una bella sveglia e risolleva le sorti di Castellana Grotte che vince il derby del Sud contro una Vibo Valentia, fino a ieri seconda in classifica. Dodici punti in totale: nel primo set è decisivo con due muroni su Urnaut, nel secondo parziale doma l’incontro grazie all’aiuto del proprio palleggiatore Falashi, prima di un terzo gioco in assoluta discesa. Il contributo finale glielo danno Alex Ferreira (12) e Yosifov (9, con 83% in attacco).

 

FLOP:

Al primo posto Simon. Lo attendevamo tantissimo. Il benedetto transfert era arrivato dopo un’infinità di battaglie e Piacenza si sfregava le mani per godersi il suo cubano. Ma la prestazione contro Cuneo è in chiaro scuro: 8 punti (2 muri). Le potenzialità sono immense: si rifarà prestissimo.

Al secondo posto Casa Modena che cede contro CMC Ravenna, alla prima vittoria stagionale. I risultati di questa prima metà di girone d’andata sono un po’ sotto le aspettative della vigilia. Oggi sembrano andate in frantumi le speranze di rimanere in scia alle posizioni di vertice. Attendiamo ancora qualche partita per capire se il gruppo è stato davvero costruito con poco criterio.

Al terzo posto la pessima ricezione dell’Andreoli Latina che ha ricevuto solo col 40%, sempre in difficoltà contro le bombe di Stokr (18) e Juantorena (16). Il fatto che i due martelli di Trento abbiamo tirato con oltre il 70% spiega tutto. Qui si è decisa la partita e qui i laziali sono incappati nella seconda sconfitta consecutiva, entrambe contro le due superpotenze del nostro campionato.

 

stefano.villa@olimpiazzurra.com

(foto legavolley)

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top