Skeleton: i commenti di Oioli e Mulassano dopo Park City

oa-logo-correlati.png

In esclusiva per Olimpiazzurra, i commenti degli azzurri Maurizio Oioli (21mo) e Giovanni Mulassano (24mo) dopo la prova di Coppa del Mondo di skeleton a Park City (USA).

Oioli: “Purtroppo questa volta non è stata una grande gara. La pista non si addiceva alle mie caratteristiche, in quanto non molto tecnica, in più ho sbagliato la scelta dei materiali, non adatti alle temperature notevolmente più alte rispetto ai giorni di allenamento. Questo, unito a un paio di errorini, ha fatto si che finissi 21esimo.
Rimane comunque una lezione da cui imparare qualcosa e un’esperienza in più da archiviare (non ero mai partito con il numero 1, è emozionante aprire la gara).
Settimana prossima siamo in gara a Whistler Mountain: una pista che mi piace molto, ma che fino ad ora non mi ha portato grande fortuna. Vedremo di invertire la tendenza“.

Mulassano: “Ho fatto nel complesso una buona discesa, speravo di poter partire un po’ più forte, ma nel complesso la spinta è stata buona. Era la mia prima volta su questa pista e con 6 discese ho faticato abbastanza a trovare il giusto equilibrio tra il relax e le guide. Forse sia io che Maurizio abbiamo sbagliato la scelta dei pattini, magari azzardare su pattini differenti sarebbe stata una buona scelta; le temperature sono variate molto nei giorni in cui siamo stati qui e quindi fare una scelta perfetta era molto difficile. Credo che sia un altro tassello da aggiungere come esperienza.
La prossima settimana gareggeremo a Whistler; su questa pista ho gareggiato 2 anni fa in Coppa Intercontinentale ottenendo due buoni piazzamenti. E’ una pista molto veloce dove mi sono divertito parecchio. Spero di poter fare la stessa cosa quest’anno centrando un buon risultato”.

 

federico.militello@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top