Salto con gli sci: al via la Coppa del Mondo femminile

oa-logo-correlati.png

Sabato 24 novembre, da Lillehammer, prenderà il via la Coppa del Mondo di salto con gli sci femminile con una gara sul trampolino piccolo della località norvegese che ha ospitato i Giochi Olimpici Invernali del 1994. Dopo la gara a squadre mista di venerdì, questa sarà la prima competizione ufficiale della seconda edizione della Coppa del Mondo femminile.

La favorita per la conquista della sfera di cristallo dovrebbe essere l’americana Sarah Hendrickson, dominatrice nella passata stagione nonostante la giovanissima età. A soli 17 anni, infatti, ha conquistato il trofeo con quasi 400 punti di vantaggio sulla seconda classificata. Per la giovane statunitense sarà da verificare se i possibili cambiamenti fisici dovuti all’età e alla maturazione non influiranno sulla tecnica di salto. Ciò che sembra essere successo alla francese Coline Mattel nella scorsa stagione. Un anno fa, infatti, faticava più del dovuto e nella classifica generale di Coppa del Mondo non è riuscita ad andare oltre la decima posizione. Il talento della transalpina, come dimostrato due anni fa, non è in discussione e potrebbe essere una vera pretendente al titolo finale.

Sul livello di queste due giovani, anche una veterana della disciplina come Daniela Iraschko. L’austriaca, ormai 29enne, nella scorsa stagione sembrava la favoritissima per la conquista della Coppa del Mondo. In gara però, si è dovuta inchinare alla Hendrickson, ma quest’anno può tentare di raggiungere il traguardo cui aspira. Senza dimenticare che nel finale di stagione, in Val di Fiemme, si svolgeranno i Mondiali e un’atleta esperta come lei potrebbe pescare la prestazione giusta per raccogliere la seconda medaglia d’oro della carriera in una rassegna iridata.

Oltre a queste tre possono ambire alle prime posizioni con regolarità anche altre saltatrici, tra le quali possono essere citate la giapponese Sara Takanashi, la tedesca Ulrike Graessler, la statunitense Lidsey Van, la norvegese Anette Sagen. Tra le azzurre, quella che sembra avere le maggiori possibilità per ben figurare è Evelyn Insam, la migliore italiana nella passata stagione. Le altre ragazze, in ogni caso, hanno tutte le carte in regola per ben figurare. In particolare è attesa ad un ritorno ad alti livelli Elena Runggaldier, vice-campionessa mondiale in carica. Sembra più difficile, al momento, che Lisa Demetz e Roberta D’Agostina possano ambire alle posizioni di vertice, ma i loro risultati potrebbero comunque essere importanti e di rilievo.

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

Foto: Elvis

 

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top