Pattinaggio, a Parigi Cappellini/Lanotte e Berton/Hotarek

oa-logo-correlati.png

Quinto weekend di gare per il Grand Prix di pattinaggio artistico. È Parigi ad ospitare il Trofeo Eric Bompard, penultima tappa del circuito internazionale.

Tornano finalmente sul ghiaccio Stefania Berton e Ondrey Hotarek che tre settimane fa avevano conquistato uno stupendo terzo posto a Skate Canada. La coppia d’artistico cerca così nuove conferme e vuole dimostrare una crescita costante che è partita già dai Mondiali e dagli Europei della scorsa stagione (conclusero quarti). Entrambi tesserati per le Fiamme Azzurre, i due giovani milanesi (lei classe ’90, lui classe ’84 nato in Repubblica ceca) hanno nel mirino il secondo gradino del podio e il sogno di alzare ulteriormente l’asticella del personal best (fissato a 172.03 proprio in Ontario). A contender loro il palcoscenico ci sarà la coppia che li ha preceduti proprio in Canada: i canadesi Meagan Duhamel/Eric Radford. Per gli azzurri la lotta si infiammerà con i russi Ksenia Stolbova e Fedor Klimov: il loro personal best è di 172.55, ritoccato due settimane fa in Cina, proprio sullo stesso livello di Stefania e Ondrey.

 

Ritornano in pista anche Anna Cappellini e Luca Lanotte. Sulle note della Carmen, le Fiamme Azzurre di danza hanno nelle loro corde un fattibilissimo secondo posto proprio per replicare l’eccellente prestazione di Skate Canada. Se però i due lombardi (lei una comasca classe 1987, lui un milanese classe 1985) dovessero alzare un po’ il loro standard e i francesi Nathalie Pechalat e Fabian Bourzat, campioni europei e freschi vincitori di Shanghai, dovessero sbagliare qualcosina allora chissà…

 

stefano.villa@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top