Hong Kong Open: vince Jimenez, 4° un ottimo Manassero

oa-logo-correlati.png

In molti si aspettavano una nuova prestazione di alto livello e Matteo Manassero non ha deluso le attese. All’Hong Kong Open conclude al 4° posto, con 269 colpi (67 70 64 68, -11), confermando una volta di più la sua mentalità nel cercare sempre la vittoria, in qualunque situazione di punteggio.

La vittoria è andata allo spagnolo Miguel Angel Jiménez, che ha chiuso con 265 colpi (65 67 68 65, -15). Per il 49enne spagnolo è il 19° titolo in carriera, che gli consente di diventare il più “anziano” a vincere un torneo dell’European Tour. Jiménez incassa un assegno di 260.638 euro, su un montepremi di 1.570.000. Ad una sola lunghezza, lo svedese Fredrik Andersson, a -14 dal par, mentre sul gradino più basso del podio sale l’australiano Marcus Freser, con un totale di -12.  A condividere la quarta piazza con il nostro Matteo Manassero, troviamo l’irlandese Peter Lawrie e lo scozzese Stephen Gallacher, mentre è 8° il leader delle precedenti giornate, il neozelandese Michael Campbell, crollato nell’ultimo giro chiuso a +2 (72).

Parlavamo di mentalità vincente per il talento veronese, che ha corso innumerevoli rischi nella seconda parte del percorso. Date le circostanze, era il modo migliore per cercare una rimonta, purtroppo non andata a buon fine, a causa di due bogey alla 13 e alla 18. Resta la grande prova di carattere di Matteo, che sembra già maturo – a parte qualche piccolo accorgimento – dal punto di vista mentale. Sul lato tecnico, poi, è inutile soffermarci ancora.

Manassero sarà protagonista anche del gran finale dell’European Tour a Dubai, dove si affronteranno i primi 60 dell’ordine di merito europeo. Con lui ci sarà anche Francesco Molinari, per cercare di chiudere in bellezza un anno pieno di gioie per il golf italiano.

Foto: Getty Images, europeantour.com

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top