Giovanni Visconti, il 2013 ultima chiamata?

oa-logo-correlati.png

Due vittorie, Klasika Primavera e Circuito de Getxo, non possono certamente rendere positiva la stagione di Giovanni Visconti, che al termine del 2011 era passato dalla Farnese alla Movistar per compiere, a 28 anni, il definitivo salto di qualità in una squadra World Tour, grazie alla quale la partecipazione alle corse più importanti non era legata ad inviti.

Il primo successo è arrivato, come detto, alla Klasika Primavera in aprile anche se il compagno di squadra Alejandro Valverde, di fatto, ha lasciato il primo posto al tre volte campione italiano. Il campo partenti di livello non altissimo ha permesso così a Visconti di mettere in cascina la prima affermazione. Per tornare ad alzare le braccia ha dovuto aspettare la fine di luglio al Memorial Ricardo Otxoca, quando ha preceduto in volata Danilo Di Luca. Tra gli altri piazzamenti un terzo posto al Giro d’Italia nella tappa di Assisi vinta da Joaquim Rodriguez e alcune buone prestazione al Giro di Polonia e alla Vuelta a Burgos quando ha trovato con costanza un posto nei migliori 10.

La prossima stagione, ci auguriamo possa essere veramente quella della svolta, magari con qualche piazzamento nelle classiche più importanti e un numero di vittorie maggiori rispetto a quello ottenuto in questo 2012. Sarebbe anche auspicabile che il corridore siciliano fosse assolto da tutte le accuse nell’inchiesta di Padova in cui è coinvolto per una presunta frequentazione con il dottor Michele Ferrari. L’esclusione conseguente dalla nazionale ha stravolto la seconda parte della stagione di Visconti, che ha anche faticato a trovare gli stimoli necessari per allenarsi al meglio.

Come detto gli anni iniziano a passare, e le primavere sulle spalle la prossima stagione saranno 29. L’età d’oro per uno sportivo: Giovanni non deve sprecare l’opportunità che gli offre la Movistar, dimostrando di essere all’altezza della situazione nelle corse che si adattano meglio alle sue caratteristiche anche, e sopratutto, in ambito internazionale.

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

foto: bicibg.it

 

Lascia un commento

scroll to top