Coppa del Mondo di slittino: l’Italia si affida a Zoeggeler e ai giovani

oa-logo-correlati.png

Prenderà il via domani ad Igls la Coppa del Mondo di slittino 2012/2013. Nove le gare complessive che assegneranno la sfera di cristallo. Andiamo a vedere i favoriti e le possibilità dell’Italia nelle singole discipline.

Singolo maschile. Si riparte sempre da lui, dal Cannibale, dal più di tutti i tempi: Armin Zoeggeler. L’età avanza e comincia a pesare: l’altoatesino compirà 39 anni il prossimo 4 gennaio. Eppure la classe e le capacità di guida restano intatte a dispetto di rivali sempre più giovani e forti. Il fuoriclasse di Foiana è reduce dalla peggior stagione della carriera, nella quale ha comunque agguantato un bronzo ai Mondiali di Altenberg: un dato che la dice lunga sulle qualità del fenomeno del Bel Paese. Quest’anno Armin, come rivelato ad Olimpiazzurra qualche settimana fa, punterà quasi tutto sulla sfera di cristallo, con il calendario che sembra dargli una mano (nell’ordine si gareggerà a Igls, dove ha vinto per tre volte in carriera, Koenigssee, Altenberg, Sigulda e nuovamente Koenigsse, tutte piste amate dal Cannibale). Solo la prima gara, tuttavia, potrà dire se l’azzurro potrà contendere la Coppa del Mondo al fenomenale tedesco Felix Loch. Sin qui i test effettuati da Zoeggeler a Sochi e Igls non hanno fornito riscontri così confortanti, ma lo stesso si può dire per lo stesso Loch: i tempi delle prove, nel complesso, lasciano sempre un po’ il tempo che trovano. Armin chiede solo dei materiali veloci per poter competere ad armi pari con la corazzata teutonica, dopodiché è convinto di poter far valere ancora la sua legge. Alle spalle del monumento altoatesino, l’Italia si affida ai giovanissimi Dominik Fischnaller (l’erede designato di Zoeggeler, chiamato alla conquista del primo podio in carriera), Kevin Fischnaller ed Emanuel Rieder, con questi ultimi due che hanno compiuto progressi importanti durante l’estate. La rosa tricolore è completata dal 28enne David Mair, cui si chiede di uscire definitivamente dal limbo di color che son sospesi. Favoriti d’obbligo per la conquista del titolo saranno i tedeschi Felix Loch ed Andi Langenhan, mentre punta a qualche successo parziale l’intramontabile russo Albert Demchenko (41 anni).

Doppio maschile: a differenza che per il singolo maschile, gli equipaggi del doppio hanno fatto registrare tempi interessanti nel corso dei test. Se i problemi di materiali dello scorso anno saranno superati, i veterani Christian Oberstolz e Patrick Gruber potrebbero tornare a lottare per la sfera di cristallo per la quale restano favoriti i fratelli austriaci Andreas e Wolfgang Linger. Attenzione poi ai giovanissimi Ludwig Rieder e Patrick Rastner, rispettivamente 21 e 19 anni, già campioni del mondo juniores nel 2011 ed attesi ad una possibile consacrazione. I due azzurri sono tra i migliori in fase di spinta e, grazie ad una maggiore conoscenza delle piste derivante dall’ultimo biennio nel circuito maggiore, potrebbero realmente ambire ai piani alti della classifica. L’organico azzurro è completato dagli altoatesini Hans Peter Fischnaller e Patrick Schwienbacher, il cui obiettivo sarà installarsi con continuità nella top10.
Per la lotta alla sfera di cristallo, oltre i fratelli Linger, partono in pole-position anche i tedeschi Tobias Wendl e Tobia Arlt, ma non vanno sottovalutati neppure i connazionali Toni Eggert e Sascha Benecken. Inutile dire che, con cinque gare su nove da disputare in Germania, i teutonici avranno un indubbio vantaggio in tutte le specialità dello slittino.

Singolo femminile: Sandra Gasparini vuole compiere un altro passetto verso le posizioni di vertice, cullando segretamente il sogno del primo podio in carriera (magari da cogliere nell’amata Sigulda). La bella notizia per l’Italia, tuttavia, è che la bionda altoatesina non sarà più sola, ma affiancata dalle giovanissime Maria Messner, Sandra Robatscher e Andrea Voetter, che di volta in volta cercheranno di qualificarsi per la gara attraverso la Nations Cup. Da segnalare come le tre atlete citate abbiano fatto segnare nelle prove di Igls dei tempi sostanzialmente simili alla Gasparini. Urge ricordare come il catino austriaco sia uno di quelli più utilizzati dalla nazionale italiana per gli allenamenti, quindi su altre piste la situazione dovrebbe certamente mutare a favore della nostra slittinista più esperta. Per quanto riguarda le favorite, la Germania resta la squadra numero uno, anche se non più imbattibile come in passato. Tatjana Hufner è reduce da ben cinque sfere di cristallo e punterà ad avvicinarsi ulteriormente al record di vittorie della connazionale Silke Otto, ferma a 37 (Hufner è a 31). La teutonica, tuttavia, dovrà guardarsi dalla connazionale Natalie Geisenberger e, soprattutto, dalla russa Tatiana Ivanova e dalla canadese Alex Gough.

Tutte le gare di slittino saranno trasmesse sulle reti Rai.

Questo il programma di Igls 

Domani

Ore 10, singolo femminile. Diretta Raisport1
Ore 12.25, doppio maschile. Diretta Raisport1

Domenica

Ore 10: singolo maschile. Diretta Raisport1
Ore 13.25: team-relay (disciplina olimpica). Diretta Raisport1

 

federico.militello@olimpiazzurra.com

redazione@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top