Basket: Cantù fa sua la Supercoppa e interrompe il regno di Siena

oa-logo-correlati.png

Una grande Cantù conquista il primo trofeo della stagione, trionfando nella Supercoppa Italiana ai danni della Montepaschi Siena. I brianzoli si sono imposti con il punteggio di 80-73 al termine di un match molto combattuto e deciso solamente nei minuti finali dalla maggior freddezza dei canturini. Un successo che certifica i progressi fatti negli anni dai lombardi sotto la presidenza Cremascoli e con Andrea Trinchieri in panchina.

Entrambe le squadre hanno cambiato molto durante l’estate e i quintetti iniziali sono molto diversi da quelli dell’anno scorso. Purtroppo il primo dato che cade all’occhio è quello del numero di giocatori italiani presenti in campo: davvero troppi stranieri e i soli Hackett, Carraretto, Aradori e Cusin vengono chiamati con una certa costanza in campo.

Nel primo quarto dopo un difficile inizio è la Montepaschi a prendere il comando, grazie alla regia di Hackett e alla fisicità sotto canestro di un ottimo Viktor Sanikidze. Dopo dieci minuti siamo 25-16, ma la reazione canturina non si fa attendere e con un parziale di 9-0, costruito da Markoshvili e Tabu, rimetta il match in perfetta parità. Ancora una volta è il centro georgiano(11p e 7r all’intervallo) a fare la differenza in casa toscana e si va negli spogliatoi con la Mensana ancora avanti di 5 (42-37).

Al rientro in campo la Mapooro è più aggressiva e con una schiacciata di Cusin mette per la prima volta  la testa avanti sul 44-42. Sulla panchina senese Luca Banchi, all’esordio come capo allenatore, prova a giocarsi la carte del doppio play con Hackett e Brown (ottimo esordio con 18punti), ma i due si pestano troppe volte i piedi e finiscono per fare confusione, ma Cantù deve fare i conti con uno scatenato Sanikidze e la partita resta in perfetto equilibrio. Il quarto si chiude con i brianzoli avanti 59-57 dopo la giocata da tre punti di Tyus (miglior marcatore tra i bianco-blu con 18punti).
L’inizio del quarto quarto è tambureggiante con le due squadre che rispondono colpo su colpo ai canestri dell’avversario, prima che due bombe di Markoshvili (votato MVP a fine partita) e Smith aprono un piccolo break a favore dei lombardi quando mancano solo tre minuti alla fine della partita. Un libero di Moss e il tap in del solito Sanikidze riportano a contatto la Montepaschi (73-71). Nel finale la maggior freddezza dalla lunetta dei canturini e una palla persa sanguinosa di Brown fanno la differenza e quando Leunen strappa il rimbalzo in attacca e insacca i due liberi del +7 i tifosi canturini posso esplodere di gioia per un successo che mancava dal 2003 (anno dell’ultimo trionfo in Supercoppa).

A fine partita tutta la felicità di Andrea Trinchieri: “Credo che questa società meritasse un riconoscimento per quello che sta facendo e questa sera siamo riusciti a portare a casa la partita. La cosa che mi fa più piacere, aldilà della vittoria contro una squadra che ci aveva battuto più volte, è il modo in cui questo successo è arrivato e in cui i miei giocatori hanno reagito nel secondo tempo”

Si interrompe così un’egemonia di cinque anni della Montepaschi, mentre per Cantù è un ottimo risultato in vista dell’imminente e importante playoff di qualificazione alla prossima Eurolega.

per il tabellino ufficiale (http://195.56.77.210/game/supercup2012.html)

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto tratta da legabasket

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top