Pugilato: presentati gli azzurri per Londra 2012

Sarà un’Italia da battaglia. Ad Assisi è stata presentata quest’oggi la Nazionale di pugilato che sarà di scena a Londra con ben sette elementi. “Siamo da podio in tutte le categorie“, ha dichiarato il presidente Franco Falcinelli.

In Gran Bretagna verranno schierati tutti e tre i medagliati di Pechino 2008: Roberto Cammarelle, Clemente Russo e Vincenzo Picardi, che in Cina furono rispettivamente primo, secondo e terzo.
Cammarelle (+91 kg) avrà nell’inglese Anthony Joshua e nel cubano Yargelis Savigne i rivali più accreditati sulla strada della riconferma, mentre su Russo (91 kg) aleggia il punto interrogativo della mancanza di incontri “veri” da dilettante da oltre un biennio, anche se nel frattempo il 30enne di Marcianise è rimasto imbattuto nelle World Series of Boxing.
Strada in salita per Picardi nei 52 kg, categoria in cui i favoriti al titolo saranno l’uzbeko Jasurbek Latipov, il russo Misha Aloyan ed il francese Nardine Oubali.

Altra punta di diamante della selezione tricolore sarà il campione del mondo del 2009 Domenico Valentino, che nei 60 kg dovrebbe giocarsi il primato con l’ucraino Vasyl Lomachenko ed il cubano Yasniel Toledo.

Fa parte dei veterani della squadra, tuttavia potrebbe rappresentare una delle rivelazioni azzurre ai Giochi londinesi: stiamo parlando di Vittorio Parrinello (56 kg), maturato molto dal punto di vista tecnico grazie all’esperienza con i Milano Thunder e di recente vincitore in un test match sul campione del mondo in carica cubano Lazaro Alvarez.

La compagine del Bel Paese, infine, potrà fare affidamento anche su due giovani talenti che, se da una parte rappresenteranno i pilastri del prossimi quadriennio verso Rio de Janeiro 2016, dall’altro possiedono le carte in regola per puntare in alto sin da Londra. Vincenzo Mangiacapre (64 kg) vanta già una medaglia di bronzo ai Mondiali di Baku dello scorso anno e la competizione a Cinque Cerchi potrebbe costituire il trampolino di lancio verso la definitiva consacrazione. Punta a stupire anche il 19enne sardo Manuel Cappai (49 kg), del quale potrete leggere domenica un’intervista esclusiva su Olimpiazzurra.

 

federico.militello@olimpiazzurra.com

redazione@olimpiazzurra.com

 

 

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Elio Verde: “A Londra l’uomo da battere sono io!”

Manuel Cappai in esclusiva: “A Londra un buon sorteggio e poi chissà…”