Biathlon, Coppa del mondo: le pagelle dell’individuale maschile di Östersund. Martin Fourcade, buona la prima

Martin-Fourcade-Biathlon-2-Romeo-Deganello.jpg

Nel tardo pomeriggio odierno ad Östersund, in Svezia, si è disputata la venti chilometri individuale maschile valida per la Coppa del mondo di biathlon: Martin Fourcade, vincitore della classifica generale nelle passate 5 stagioni ha conquistato il successo. Andiamo a vedere come si sono comportati gli atleti impegnati in gara: le pagelle.

FOURCADE Martin, voto 9: comincia subito con una vittoria, la cinquantesima in carriera tra Coppa del mondo, Mondiali e Olimpiadi. La gara sembrava compromessa dopo un secondo poligono reso difficile dal vento e che gli è costato due errori e i conseguenti due minuti di penalità: da lì il transalpino non si è abbattuto, ha passato indenne le ultime due serie di tiro e si è ritrovato sul gradino più alto del podio a causa dei tanti errori commessi anche dagli avversari in una giornata non certo facile. Il copione sembra quello dello scorso anno ma va sottolineato come Fourcade in tre dei quattro poligoni sia stato tra i 10 più veloci (mentre nel secondo ha impiegato un’eternità per rilasciare i colpi a causa del vento). Sugli sci, invece, è stato il più forte di giornata.

BØ Johannes Thingnes, voto 8,5: dopo la gara sembra confermare il ruolo di sfidante al trono di Fourcade. In un format poco adatto alle sue caratteristiche ha sfoderato una prova oculata e perfetta nei primi tre poligoni: nell’ultimo invece ha commesso due errori e ha perso molto tempo a causa del vento. Alla fine ha pagato quasi 30” di distacco da Fourcade ma la solidità mostrata per evitare danni peggiori nell’ultima serie di tiro potrebbe renderlo un competitior vero e proprio per la Sfera di Cristallo.

CHEPELIN Vladimir, voto 8: secondo podio in due giorni per la squadra bielorussa. Chepelin limita gli errori (mancando un solo bersaglio) e coglie la terza posizione finale nonostante il 43esimo tempo nel fondo.

BJØRNDALEN Ole Einar, voto 7: nonostante il trascorrere del tempo lui non sembra intenzionato a lasciare. Tre errori, nono tempo sugli sci e quinta posizione finale che fanno ben sperare in vista dei prossimi mesi.

HOFER Lukas, voto 6: 19esimo posto finale abbastanza strano. I tre errori sono pochi per come si è sviluppata la gara odierna e proprio per questo avrebbero potuto portrlo più in alto in classifica. Invece ha pagato più di 2′ da Fourcade nell’arco dei 20 chilometri nel fondo e ha perso anche un minuto da Dominik Windisch (voto 5, gli otto errori sono troppi ma non è il caso di farne un dramma), distacchi importanti. Nella staffetta mista aveva destato buone sensazioni, lo attendiamo nella sprint di sabato, dove una distanza più breve potrebbe avvantaggiarlo.

BORMOLINI Thomas, voto 6,5: bene per lunghi tratti di gara, in cui trova la precisione. Poi purtroppo commette 4 errori equamente distrubuiti tra terzo e quarto poligono che lo relegano in 38esima piazza. Comunque in zona punti.

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Foto: Romeo Deganello

Lascia un commento

Top