Golf, Nedbank Challenge 2016: tre uomini al comando, big nelle retrovie! Renato Paratore 14°, Matteo Manassero 27°

Ross-Fisher-Profilo-Twitter-European-Tour-e1478793505305.jpg

Va in archivio il primo giro del prestigioso Nedbank Golf Challenge, in corso di svolgimento sul green del Gary Player CC a Sun City (Sudafrica) dal 10 al 13 novembre, penultimo appuntamento dell’European Tour dove si delineeranno i 60 atleti che saranno ammessi all’evento clou di Dubai. Il percorso molto ostico non ha riservato sconti a nessuno, come testimoniato dal fato che soltanto 20 dei 72 partecipanti sono riusciti a completare la tornata inaugurale scendendo sotto il par. Al comando si colloca un terzetto appaiato a -4 composto dal cileno Felipe Aguilar, il coreano Jeunghun Wang e dall’inglese Ross Fisher, autori di una andamento piuttosto regolare caratterizzato da un solo bogey ciascuno. Alle loro spalle insegue con un colpo di ritardo un folto gruppo di sette atleti, tra i quali spicca la coppia svedese Alex Noren-Henrik Stenson e il duo sudafricano George Coetzee-Jaco Van Zyl, i quali hanno approfittato di una giornata dominata da punteggi non troppo bassi per issarsi ai vertici della graduatoria nonostante qualche bogey di troppo. Ad un certo momento, il gioco è stato addirittura sospeso per l’invasione di una ventina di manguste sul green che ha creato non poca ilarità nel pubblico presente sugli spalti.

Renato Paratore ha chiuso discretamente la prima tornata a -1 in 71 colpi, frutto di una prestazione non perfetta come esemplificato dai tre birdies e dagli altrettanti bogeys, tuttavia la 14esima posizione attuale non è da buttar via se si considerano gli enormi margini di miglioramento in vista prosieguo del torneo. Più staccato, invece, l’altro azzurro Matteo Manassero, incapace di scendere sotto il par e protagonista di un +1 che lo colloca al 27° posto virtuale. Dopo un buon inizio, infatti, la giovane speranza italiana ha pagato lo scarso feeling con il terreno incappando in due sanguinosi bogeys consecutivi alla 15 e alla 16.

Malissimo uno dei grandi favoriti della vigilia, l’inglese Danny Willett, che ha confezionato un pessimo +3 propiziato da quattro bogeys e addirittura un triplo bogeys alla 2, ma non è andata meglio al connazionale Tyrrell Hatton appaiato con lo stesso punteggio, e all’irlandese Padraig Harrington (+4), ancora sottotono dopo la brutta performance della settimana scorsa in Turchia quando partiva come principale accreditato alla vittoria finale. Prova negativa anche per lo spagnolo Rafa Cabrera Bello (+4), mentre risulta davvero incommentabile il rendimento del danese Thorbjorn Olesen (+5), reduce dalla sbornia del successo inaspettato al Turkish Airlines Open, e del tedesco Martin Kaymer, che occupa l’ultima posizione provvisoria complice uno sconcertante score di +9.

simone.brugnoli@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Profilo Twitter European Tour

Lascia un commento

Top