Nuoto, Mondiali vasca corta Windsor 2016: i criteri di qualificazione per l’Italia

RIO2016_Aug-13_GSca_RJ46937.jpg

Con una nota ufficiale, la Federnuoto ha comunicato i criteri di qualificazione per il grande appuntamento dell’autunno acquatico, i Mondiali in vasca corta che si svolgeranno a Windsor (Canada) dal 6 all’11 dicembre. Si legge infatti:

Saranno selezionati gli atleti in possesso dei seguenti requisiti e con il seguente ordine di priorità:

Gare individuali
1) gli atleti finalisti in gare individuali ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro; 
2) per i posti ancora liberi, gli atleti vincitori in gare individuali al Campionato Europeo di vasca lunga di Londra 2016;
3) nelle specialità non olimpiche e nelle gare olimpiche dove non ci siano atleti qualificati o con posti ancora liberi, gli atleti che nel periodo 1-19 novembre 2016 avranno ottenuto prestazioni che, dall’osservazione delle recenti edizioni dei Campionati mondiali in vasca corta, possano consentire la presenza in finale.

* Sulla base di questi requisiti sono già qualificati Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti, Federica Pellegrini e Luca Dotto.

Gare a staffetta
Le staffette in cui con la somma delle 4 migliori prestazioni ottenute nel periodo 1-20 novembre 2016 dagli atleti funzionali al loro svolgimento si ottenga un tempo ritenuto utile dal Direttore Tecnico per un piazzamento entro il 5° posto al Campionato mondiale di Windsor.

Sarà inoltre facoltà del Direttore Tecnico, nelle gare con posti ancora liberi, convocare giovani nuotatori o nuotatrici emergenti

Nello stesso messaggio, il dt Cesare Butini ha aggiunto: “Dopo le medaglie ai Giochi di Rio, che hanno coronato un quadriennio ricco di soddisfazioni per l’Italia e per la nostra Federazione, benchè il risultato olimpico delle nostre punte sia stato superiore a quello della squadra, che mi aspettavo migliore, ci prepariamo ad affrontare un nuovo quadriennio e nuove sfide. All’inizio di questo percorso andiamo incontro ad una stagione che, tanto per il settore assoluto quanto per quello giovanile, si preannucia molto lunga e soprattutto densa di appuntamenti internazionali di alto livello. Anche sulla base delle indicazioni provenienti dai colleghi, risulta condivisa una strategia che prevede di finalizzare la stagione ai campionati mondiali di Budapest, impostando, quindi, sia le fasi di preparazione che di competizione in funzione di questo evento; a partire dal quale vorrei che cominciasse in modo concreto, sempre sulla base di un programma condiviso con le società, che rappresentano il nostro motore insostituibile, il processo di ricambio generazionale della squadra Insieme allo staff abbiamo, quindi, valutato anche come affrontare il mondiale in vasca corta di Windsor, che rappresenta il primo appuntamento agonistico internazionale della nuova stagione. Ritengo che per favorire la crescita di giovani talenti emergenti gli si debba accordare il maggior spazio possibile, ma senza accelerazioni e finalizzazioni per la prima parte di stagione. Questo, a mio avviso, impone per loro una ripartenza senza fretta e perciò mi sono riservato la possibilità di inserire nella squadra per il Canada, concordando con i loro tecnici di riferimento questa scelta programmatica, quei giovani che senza forzature particolari risulteranno già maturi per una simile esperienza. Per definire la squadra farò poi riferimento ai nuotatori di assoluta qualità tecnica. In questa ottica è stato individuato un criterio che, dopo aver prequalificato i migliori atleti del 2016, lascia un margine operativo discrezionale per selezionare gli altri che otterranno, nelle gare programmate nelle due prime decadi di novembre, prestazioni tecniche che possano garantire, con ragionevole approssimazione, la presenza in finale. Anche per quanto riguarda le staffette olimpiche sarà utilizzata una valutazione qualitativa mirata ad una presenza di squadre competitive ad un livello anche superiore, che siano in grado di assestarsi nelle prime cinque-sei posizioni“.

Per la prima volta fungerà da prova qualificante per la rassegna iridata anche il Trofeo Nico Sapio di Genova (31 ottobre-1 novembre), a cui – come riportato dal blog Questione di stile – parteciperà anche il campione olimpico dei 50 sl, lo statunitense Anthony Ervin.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: DeepBlueMedia

Lascia un commento

Top