Scherma: Bebe Vio, la ragazza nata con il fioretto in mano con un sogno olimpico

bebe-vio1.jpg

La storia di Bebe Vio è forse una delle più tristi di quelle dei 101 azzurri che parteciperanno alle Olimpiadi di Rio 2016, ma è anche la storia di una ragazza che non ha mai perso la battaglia contro le difficoltà che la vita le ha messo di fronte e che ora a 19 anni coronerà il suo sogno olimpico. 

Beatrice, ma per tutti Bebe, è nata praticamente con il fioretto in mano, perchè l’amore per la scherma è iniziato quando aveva solo 5 anni. Addirittura per farla competere nelle gare era stata creata una categoria apposta, denominata “ovetto”, appena sotto quella tipica dei pulcini. Un talento ed una classe straordinari e la sensazione di essere davanti all’ennesimo nastro nascente di uno sport che ha regalato tanto al nostro paese.

Poi nel 2008 a soli 11 anni il mondo le crolla addosso. Bebe contrae la meningite e rapidamente subisce l’amputazione sia delle braccia che delle gambe. La malattia le ha tolto quasi tutto, ma non quel suo impareggiabile sorriso e soprattutto quella voglia di lottare e continuare a mantenere una vita che verrebbe difficile a molte persone considerare normale.

Bebe non si abbatte ed è ancora l’ amata scherma ad essere sempre nella sua vita. Con l’aiuto di una straordinaria famiglia e soprattutto del papà Ruggero, inizia la nuova avventura nella scherma in carrozzina. I successi non tardano a mancare e la consacrazione arriva nel 2014 con la vittoria della Coppa del Mondo e di medaglie poi ai Mondiali ed Europei.

A 19 anni ormai Beatrice è un simbolo dello sport paralimpico italiano ed è il volto di uno degli eventi più importanti come i Giochi Senza Barriere. Adesso ci sarà Rio 2016 e le date del 14 e 16 settembre sono già state fissate da tempo sul calendario. La medaglia è un grande obiettivo e soprattutto la testimonianza di come nella vita non bisogna mai mollare e combattere fino all’ultimo senza mai perdersi d’animo. Forza Bebe!

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca Qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto di Augusto Bizzi

Tag

Lascia un commento

Top