Rugby, Pro12 – Quarta giornata: Zebre, che peccato! Il buon gioco non basta: vince Cardiff

12494046_1269003199793401_84751907_o-1-e1452378486473.jpg

A Parma, nell’incontro valido per il quarto round del Guinness Pro12, le Zebre vengono sconfitte 23-21 dai Cardiff Blues, ora in testa alla classifica del campionato.

Le Zebre si presentano propositive e, dopo pochi minuti di gioco, passano avanti grazie a un calcio di punizione di Carlo Canna, scaturito da un turnover dei gallesi. Neanche il tempo di gioire che i Blues si fanno sentire mandando la palla tra i pali (calcio di Steven Shingler). Da una saggia decisione dei ducali (mandare l’ovale in touche anziché andare per i pali), scaturisce la meta di Guglielmo Palazzani che porta i suoi sul temporaneo 8-3. Le Zebre giocano bene ma concedono troppo. A causa di numerosi errori da una parte e dall’altra, arriva la meta dei Blues firmata da Matthew Morgan. Il primo tempo si conclude così 11-18 in favore di Cardiff.

I secondi 40’ di match vedono un crollo della franchigia azzurra che cede definitivamente dopo aver giocato un primo tempo discreto. Entra Valerio Bernabò nelle Zebre (al posto di Quentin Geldenhuys) e la squadra di Cardiff va in meta con Tom Jones (successivo errore in trasformazione). Al 10’ del secondo tempo, le Zebre potrebbero approfittare del giallo rimediato dal tallonatore gallese Rhys Gill ma non riescono nel tentativo. Ristabilita la parità numerica, al minuto 21, arrivano i cinque punti dell’azzurro Giulio Bisegni: è 16-23 per le Zebre e, con soli cinque punti di vantaggio, i parmensi sognano la rimonta. Il divario tra le due compagini si assottiglia quando Gianbattista Venditti, a 6’ dal termine, sigla un’altra meta.

Il pareggio, alla fine, non arriva ma i ducali possono uscire dal Lanfranchi a testa alta dopo aver dimostrato, in un incontro tutt’altro che facile, voglia di riscatto e soprattutto un buon gioco pur con qualche errore di troppo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Romeo Deganello

Lascia un commento

Top