Canoa, Paralimpiadi Rio 2016: gli azzurri ai raggi X

Federico-Mancarella-Paracanoa.jpg

Per la prima volta nel programma olimpico, la paracanoa vedrà ai nastri di partenza tre azzurri: Veronica Yoko Plebani, Salvatore Ravalli e Federico Mancarella.

Veronica Yoko Plebani: una meningite fulminante batterica di tipo C le ha portato via le falangi di mani e piedi nel 2011. Cinque anni dopo l’atleta palazzolese classe 1996 prenderà parte alla sua seconda rassegna a cinque cerchi. Non nello snowboard come accaduto due anni fa a Sochi bensì nella canoa, disciplina che pratica dalla primavera 2012. Iscritta al KL1, l’azzurra dopo piazzamenti e medaglie ottenute tra Mondiali ed Europei, vuole conquistarsi un posto anche nella finale a cinque cerchi.

Luogo e data di nascita Gavardo (BS), 01 marzo 1996

Disabiltà Esiti e amputazioni da meningococco

Giochi Paralimpici Invernali:
Sochi 2014 – 11° snowboard-cross

Campionati del Mondo:
Milano (ITA) 2015 – 5° 200mt k1 KL3
Duisburg (GER) 2013 – 4° 200mt K1 TA

Duisburg 2016 (GER) – 6° KL3 200m

Salvatore Ravalli: atleta di paracanoa nella categoria KL1, Ravalli è divenuto paraplegico a causa di una lesione del midollo spinale riportata a seguito di un incidente motociclistico. Intrapresa la strada dell’hanbike sulle orme dell’idolo Alex Zanardi, il siciliano ha poi deciso di virare sulla canoa, con la quale è stato amore a prima vista. Quinto ai Mondiali di Milano nel KL1 mt.200, l’azzurro cercherà la finale anche a Rio.

Luogo e data di nascita Augusta (SR), 24 gennaio 1971

Disabiltà Lesione al midollo spinale incidente stradale in moto

Giochi Paralimpici:
Esordiente

Campionati del Mondo:
Milano (ITA) 2015 – 5° K1 Senior KL1 mt.200

Duisburg 2016 (GER) – 9° KL1 200m

Federico Mancarella: affetto da spina bifida fin dalla nascita, il bolognese riesca a camminare autonomamente grazie ai tutori. Laureato in Economia all’Università di Ferrara, Mancarella è un eclettico della canoa. Oltre al settore sprint, ha praticato/pratica infatti anche slalom e polo. Nella finale europea KL2 200 metri di Mosca l’atleta del Canoa Club Bologna ha chiuso secondo alle spalle dell’austriaco Markus Swoboda. Un risultato strepitoso che conferma i progressi dell’azzurro che è stato terzo agli Europei 2014, quarto ai Mondiali 2015 e sesto ai Mondiali 2016.

Luogo e data di nascita Bologna, 04 settembre 1992

Disabiltà Spina bifida

Giochi Paralimpici:
Esordiente

Campionati del Mondo:
Milano (ITA) 2015 – 4° Kl2 200m
Mosca 2014 (RUS) – 5° Kl2 200m

Duisburg 2016 (GER) – 6° Kl2 200m

francesco.drago@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top