Tiro a segno, Olimpiadi Rio 2016: Giuseppe Giordano “alla Tesconi” nella pistola ad aria compressa

Giordano_Tiro-a-segno_ISSF_Voice-2-Media.jpg

La gara ad aria compressa da distanza 10m è la competizione che apre il programma della pistola, ed in particolare di quella maschile, alle Olimpiadi di Rio 2016 per quanto riguarda il tiro a segno e per l’Italia il rappresentante scelto in questo contest sarà Giuseppe Giordano.

Per il tiratore campano, classe 1974, una sfida nuova e inedita visto che a Londra 2012 partecipò soltanto alla gara di pistola libera dalla distanza dei 50m, in un contesto certamente più congeniale alle sue caratteristiche.

La breve distanza dal bersaglio infatti costituisce un elemento di ulteriore equilibratura ad una competizione già difficile e complicata ai nastri di partenza.

Giordano, oggi al dodicesimo posto nel ranking mondiale nella specialità, avrà quindi l’obiettivo di cercare di entrare in finale e poi da lì cercare di diventare una “mina vagante”.

In carriera il suo risultato migliore in questo format di gara l’ha ottenuto quest’anno nella Coppa del Mondo di Baku arrivando al sesto posto.

E’ chiaro quindi che il napoletano non parte nel gruppo dei primissimi favoriti ma potrebbe diventare una variabile impazzita emulando magari le gesta di Luca Tesconi, che proprio a Londra 2012 in questa competizione seppe arrivare a conquistarsi un argento, almeno sulla carta, insperato.

Foto: ISSF/ Voice 2 Media

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

michele.cassano@oasport.it

Lascia un commento

Top