Canottaggio, Olimpiadi Rio 2016: le finali di giornata, Italia outsider con licenza di stupire

quattro-senza-pl-canottagio-mimmo-perna.jpg

Tre barche, otto vogatori e una nazione. L’Italia si gioca le prime medaglie con due senza, doppio e quattro senza pesi leggeri.

DUE SENZA

In finale col secondo miglior tempo. Giovanni Abagnale e Marco Di Costanzo sognano quel podio sfuggito quattro anni fa a Niccolò MornatiLorenzo Carboncini. Una storia incredibile con i due campani finiti nel due senza dopo la squalifica per doping proprio di Mornati, il mancato pass dell’otto (poi ripescato) e il sorpasso di Domenico Montrone nei confronti di Di Costanzo nel quattro senza. In poche settimane tuttavia gli azzurri sono stati in grado di tener testa e battere equipaggi rodati come i francesi vicecampioni olimpici in carica Germain Chardin e Dorian Mortelette e gli australiani Alexander Lloyd-Spencer Turrin, quest’ultimi quelli più accreditati alla vigilia per dare fastidio ai fuoriclasse neozelandesi Eric Murray e Hamish Bond. Se l’oro sembra prenotato per gli altri due gradini c’è spazio.

RSA GBR ITA NZL AUS FRA (15.44 ITALIANE)

DOPPIO 

Francesco Fossi e Romano Battisti difficilmente deludono. L’avvicinamento olimpico non era stato per niente entusiasmante ma, come al solito, gli azzurri sono riusciti a prepararsi a puntino per il grande evento stagionale. Ancora arrugginiti in batteria i finanzieri si sono scatenati in semifinale, battuti soltanto dalla Lituania di Mindaugas Griškonis e Saulius Ritter. Il podio tuttavia è difficile. Oltre ai baltici ci sono infatti anche i fratelli croati Martin Sinkovic e Valent Sinkovic, grandi favoriti della vigilia. C’è poi la Norvegia della leggenda Olaf Tufte che in coppia con Kjetil Borch andrà a caccia della quarta medaglia a cinque cerchi. Non bisogna dimenticare nemmeno la Gran Bretagna di Jonathan Walton e John Collins mentre parte un gradino sotto la Francia di Matthieu Androdias-Hugo Boucheron

GBR NOR CRO LTU ITA FRA (16.24 ITALIANE)

QUATTRO SENZA PESI LEGGERI

La partenza a razzo di Pietro Ruta, Livio La Padula, Martino Goretti e Stefano Oppo in quella che doveva essere una semifinale equilibratissima è ancora fresca nella memoria. È difficile poter dire sino a dove possa arrivar questo quartetto costituitosi, come il due senza, qualche settimana prima di Rio. Un’alchimia che ha portato a prevalere, tra batteria e semifinale, su Svizzera, Francia e Nuova Zelanda. Tutte avversarie degli azzurri oggi insieme a Danimarca e Grecia.

NZL DEN SUI ITA FRA GRE  (16.44 ITALIANE)

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

Foto di Mimmo Perna

Lascia un commento

Top