Canoa velocità, Olimpiadi Rio 2016: gli otto finalisti del C1 1000 metri

Carlo-Tacchini-canoa-foto-federazione-fb.jpg

Gli otto specialisti del C1 1000 metri che si giocheranno le medaglie a Rio 2016 (ore 14.08). Si tratta della 19^ finale olimpica della disciplina.

Gerasim Kochnev: uzbeko che lo scorso anno si è imposto nella finale B dei Mondiali di Milano. Per il 29enne arrivare in finale è già una vittoria.

Carlo Tacchini: a 21 anni centra l’obiettivo estromettendo, tra gli altri, il medagliato di Londra 2012 Mark Oldershaw. Qualunque risultato arriverà sarà un successo.

Ilya Shtokalov: 30 anni a settembre, il russo si è piazzato quinto sia agli ultimi Europei che ai Mondiali di Milano. Piazzato di lusso, dovrebbe confermarsi anche oggi a Rio.

Isaquias Queiroz dos Santos: o semplicemente Isaquias punta a prendersi tutto nelle tre gare della canadese. Il canoista che perse un rene a 10 anni cadendo da un albero cercherà di centrare il primo dei tre ori messi nel mirino. Le sei medaglie negli ultimi tre Mondiali parlano da sole per il classe 1994.

Sebastian Brendel: il totem tedesco vuole bissare il titolo vinto a Londra 2012. Ha già imposto la sua legge agli Europei di Mosca, battendo dopo una dura lotta il moldavo Serghei Tarnovschi e il ceco Martin Fuksa, suoi rivali anche oggi insieme all’idolo di casa Isaquias Queiroz dos Santos.

Serghei Tarnovschi: il più giovane in acqua con i suoi 19 anni, il moldavo vanta un bronzo iridato e un argento europeo. Insieme a Queiroz dos Santos, Fuksa, Altukhov e Tacchini il futuro della canadese.

Martin Fuksa: l’argento di Mosca 2014 e Milano 2015 non ha entusiasmato ieri. Impossibile tuttavia estromettere dalla lotta per le medaglie questo classe 1993 avversario principale di Brendel negli ultimi due anni.

Pavlo Altukhov: coetaneo di Tacchini, lo scorso anno sfiorò il podio iridato chiudendo quarto. Altro atleta del futuro, è tra i favoriti per le posizioni a ridosso del podio.


Il capolavoro di Duisburg

L’intervista a Carlo Tacchini

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

Lascia un commento

Top